Napoli-Spartak Mosca, i precedenti: la Coppa Campioni, ma non solo

0
295

Si gioca Napoli-Spartak Mosca, i precedenti tra gli azzurri e le squadre russe nelle coppe europee: una sola vittoria.

Higuain Callejon
Higuain a segno (Getty Images)

Pericolo russo sulla strada del Napoli. La squadra di Spalletti, lanciatissima in campionato dove comanda a punteggio pieno dopo sei partite, non può già più sbagliare in Europa League dove cerca la prima vittoria per contendere al Leicester il primo posto nel girone.

FORSE POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Osimhen 2.0, il ‘mostro’ creato da Spalletti

Napoli-Spartak Mosca: i precedenti

L’ostacolo stavolta si chiama Spartak Mosca, avversario da non sottovalutare nonostante la sconfitta casalinga subita a sorpresa all’esordio in Europa League contro il Legia Varsavia. L’incrocio con lo Spartak peraltro non è una prima assoluta per il Napoli, che ha già incontrato la squadra russa nella stagione 1990/91 negli ottavi di finale della Coppa dei Campioni. Allora, dopo il pareggio per 0-0 dell’andata, al ritorno furono necessari i calci di rigore per decretare chi avrebbe passato il turno e dal dischetto ad avere la meglio fu lo Spartak. Un precedente non troppo fortunato.

Napoli Dinamo Mosca
Higuain segna alla Dinamo Mosca (Getty Images)

Una sola vittoria contro i russi

L’incrocio più recente con una compagine russa invece è datato 2014/15 quando, in Europa League, il Napoli sconfisse in casa la Dinamo Mosca per 3-1 nell’andata degli ottavi di finale con una tripletta di Gonzalo Higuain in quella che resta ancora oggi l’unica vittoria centrata dal Napoli contro i russi. Al ritorno infatti il match terminò sul risultato di 0-0 regalando la qualificazione al turno successivo agli azzurri. Decisamente peggio andò nell’ormai lontano 1975/76, quando il Napoli fu travolto dalla Torpedo Mosca nel primo turno di Coppa UEFA per 4-1 ed il pareggio per 1-1 del ritorno sancì la prematura eliminazione dalla competizione. Ecco perché sottovalutare il pericolo russo è assolutamente sconsigliato. I precedenti invitano alla prudenza, al Napoli di Spalletti il compito di cambiare ancora una volta la storia.