Koulibaly è il vero insostituibile: i numeri non lasciano dubbi

0
132

Le statistiche non lasciano alcun dubbio: senza Koulibaly le medie del Napoli crollano e un dato su tutti certifica la sua importanza al centro della difesa.

Un’assenza pesante. Così tanto da tradursi in un rocambolesco finale in cui al Napoli è mancata la freddezza e l’esperienza di chi sa gestire la sfera e la pressione anche nei momenti più delicati.

Koulibaly
Kalidou Koulibaly (LaPresse)

Per 80 minuti il Napoli ha retto contro l’Empoli, poi un finale disastroso, con la difesa in balia della ferocia degli avversari. Tre gol e discorsi scudetto rimandati alla prossima stagione, anche a causa di una assenza che per Spalletti ha avuto un peso determinante in tutta la stagione. Koulibaly è infatti il vero insostituibile per il tecnio, e lo riafferma una statistica che lascia pochi dubbi. Fra Covid, l’infortunio al bicipite femorale, la nazionale e le squalifiche, il centrale ha saltato in Serie A 11 partite, e il bilancio della squadra, costretta a fare a meno del perno della difesa, è stato tutt’altro che soddisfacente.

Senza Koulibaly è un altro Napoli: le statistiche

Kalidou Koulibaly
Kalidou Koulibaly (LaPresse)

C’è un numero su tutti che testimonia quanto Koulibaly sia indispensabile per il Napoli. Dei 30 gol incassati in campionato, ben 11 sono arrivati nelle gare in cui il difensore non è stato schierato in campo. La media è di una rete a partita incassata senza il senegalese, e il Napoli è stato spesso costretto ad inseguire.

Il bilancio è infatti chiaro. Nella prima occasione in cui il calciatore è rimasto fuori, a causa di una squalifica, il Napoli ha ottenuto solo un pareggio col Verona. Poi il conto diventa ancora più pesante e fa registrare un altro pari, 5 vittorie e ben 4 sconfitte contro Atalanta, Spezia, all’andata con l’Empoli e ancora al ritorno contro i toscani nel match di ieri.

Sono ben 18 i punti lasciati per strada senza il centrale, oltre a 4 ko sui 7 totali maturati in Serie A. Numeri che non lasciano dubbi e che di sicuro impongono riflessioni. Il difensore è il vero insostituibile ma dal mercato dovranno arrivare alternative di livello per dare spessore ad un reparto che ha bisogno di ritocchi, sugli esterni e in mezzo.