Napoli, sciolto il nodo portieri: Spalletti punterà su loro due

0
467

In casa Napoli è stato sciolto il nodo relativo ai portieri: il tecnico avrà la coppia prima della partenza per Dimaro

Alex Meret e Salvatore Sirigu, due Campioni d’Europa chiamati a difendere i pali del Napoli per la prossima stagione. Il nodo più complesso in casa azzurra sta per essere sciolto. A pochi giorni dal ritiro di Dimaro, Luciano Spalletti è pronto a puntare sui due nazionali, dando il via ad un nuovo corso.

Luciano Spalletti
Il tecnico del Napoli Luciano Spalletti (Ansa)

Niente più David Ospina, quindi, sedotto dal richiamo dei milioni sauditi e pronto a firmare da svincolato un super contratto con l’Al Nassr che gli garantirà otto milioni in due stagioni. Il Napoli ne ha preso atto e si è mosso di conseguenza. La continuità sarà quindi garantita da Meret che, senza più l’imponente figura del colombiano, è pronto a diventare protagonista in maglia azzurra.

La firma sul rinnovo fino al 2027, con tanto di adeguamento al milione e mezzo di ingaggio, è ormai ad un passo, perché il friulano ha la stima della dirigenza ed è chiamato a diventare il portiere del futuro, addirittura, una bandiera del club.

Napoli, il vice di Meret sarà Sirigu

Salvatore Sirigu para
Il portiere Salvatore Sirigu (Ansa)

E le parole di Spalletti – sull’importanza di un portiere di saper giocare palla a terra per la ripartenza dal basso – dovranno fungere da sprone per Meret, chiamato a migliorare il gioco con i piedi che tanto l’ha penalizzato nel confronto con Ospina. Il ruolo di vice sarà invece affidato ad un decano della Serie A, Salvatore Sirigu che ha appena lasciato il Genoa retrocesso.

Il portiere sardo è pronto per la nuova avventura; un contratto annuale con opzione per la seconda stagione e la possibilità di giocarsi il posto con Meret, sebbene almeno all’inizio le gerarchie saranno ben definite. Sirigu, peraltro, conosce bene Meret per i trascorsi comuni in nazionale ed anche per l’ex Udinese l’estremo difensore sardo può essere una figura chiave per la sua maturazione completa, senza l’ansia di rischiare il posto da titolare ogni settimana.

Un mix di esperienza, gioventù e talento, che dovranno portare gli azzurri a vivere notti magiche in campionato e Champions League.