Da Raspadori a Cannavaro: quanti scambi sull’asse Napoli-Sassuolo

Napoli e Sassuolo sono due società molto amiche sul mercato e e nel corso degli anni hanno fatto molti affari insieme.

Domani alle ore 15 il Napoli ospiterà il Sassuolo al Maradona nell’anticipo che aprirà la dodicesima giornata di Serie A. Gli azzurri stanno viaggiando ad un ritmo impressionante e arrivano a questa parttia con ben dodici vittorie consecutive sulle spalle, mentre i neroverdi hanno riscattato la sconfitta di Bergamo patita due settimane fa vincendo in casa contro il Verona nell’ultimo turno.

Carnevali De Laurentiis
Il presidente del Napoli Aurelio De Laurentiis con l’ad del Sassuolo Giovanni Carnevali (LaPresse)

In questo momento, il Napoli sembra una squadra davvero imbattibile, ma domani il Sassuolo scenderà in campo con il coltello tra i denti per cercare di portare a casa un risultato positivo, con gli azzurri che non dovranno fare l’errore di sottovalutare i neroverdi. Tra le due società c’è grande rispetto ed anche in fase di mercato i rapporti sono ottimi, tant’è che negli ultimi anni hanno fatto molti affari insieme, ecco quali.

Napoli-Sassuolo, un asse di mercato che funziona

Giacomo Raspadori
L’attaccante del Napoli Giacomo Raspadori (LaPresse)

Il Sassuolo è conosciuto in Serie A non solo per essere una squadra che gioca bene a calcio e che sa metterti in difficoltà, ma anche perchè in fase di mercato sa essere bottega carissima poiché mette in mostra tanti bei talenti. Ciò però non ha impedito al Napoli di andare a bussare alla sua porta e di fare affari che sono poi risultati fruttuosi per gli azzurri e lo stesso si può dire per i neroverdi.

L’ultimo in ordine di tempo è stato quello che ha portato Giacomo Raspadori in Campania ed è stata una delle trattative più complicate per il Napoli. Gli azzurri hanno trattato a lungo con i neroverdi e per riuscire a strappargli il talento classe 2000 ci è voluto quasi un mese dove decisiva è stata anche la volontà del calciatore che voleva assolutamente vestire la maglia del club azzurro. E Raspadori sta subito ripagando la fiducia che il Napoli gli ha dato con grandi prestazioni

Per quanto riguarda, invece, chi ha fatto il percorso inverso va segnalata la trattativa che portò in Emilia l’ex capitano azzurro Paolo Cannavaro. Il Sassuolo acquistò il difensore in prestito in quello che fu il suo primo anno in Serie A, riscattandolo poi l’anno successivo dopo aver conquistato la salvezza. Con i neroverdi, Cannavaro ha disputato ben 120 partite, segnando anche un gol e soddisfacendo pienamente la società emiliana.

Altro difensore che lasciò il Napoli per approdare al Sassuolo è stato Vlad Chiriches. Il difensore rumeno arrivò in Campania dal Tottenham nel 2015, ma non è mai riuscito ad ambientarsi e a dimostrarsi un giocatore da Napoli, venendo ceduto ai neroverdi nel 2019 in prestito con diritto di riscatto. Riscatto poi esercitato la stagione successiva dal Sassuolo che sborsò quasi 10 milioni di euro. A chiudere la lista degli scambi tra Napoli e Sassuolo c’è poi il portiere Antonio Rosati che giocò con la maglia neroverde solo un anno nella stagione 2013-2014 poiché acquistato solo in prestito.

Ci sono stati poi giocatori del Sassuolo che furono solamente accostati al Napoli tra cui Domenico Berardi, giocatore sempre piaciuto agli azzurri, ma alla fine non è mai nata una vera e propria trattativa. Dei neroverdi, al Napoli piaceva anche Matteo Politano che, tuttavia, andò prima all’Inter nel 2019 prima di approdare in azzurro nel 2020.