La Juventus rischia grosso: “E’ peggio di Calciopoli”, l’avvocato vuota il sacco

La Juventus rischia grosso dal punto di vista sportivo al termine dell’indagine che la vede coinvolta, con uno scenario ben peggiore di Calciopoli.

Mentre in Qatar si stanno disputando i Mondiali, con l’Italia a casa l’attenzione di tutti nel paese nostrano è finita sulla Juventus che è stata scossa da un violento terremoto nei giorni scorsi che ha portato alle dimissioni del’intero CdA, comprese quelle del presidente Andrea Agnelli.

Juventus rischia grosso - napolicalciolive.com
Juventus rischia grosso – napolicalciolive.com

Dimissioni dovute ad un possibile falso in bilancio ancora tutto da confermare, ma i bianconeri si sono voluti cautelare, con John Elkann che ha deciso di affidare la società a persone a lui fidate. Il nuovo presidente è divenuto così Gianluca Ferrero, mentre come nuovo dg è stato nominato Maurizio Scanavino, rispettivamente braccio sinistro e destro del proprietario della Exor.

Tuttavia, ciò non cambia il fatto che la Juventus rischi grosso al termine dell’inchiesta che la vede coinvolta e non solo a livello penale, ma anche anche dal punto di vista sportivo.

Terremoto Juventus: i reati contestati dalla Procura di Torino

La Juventus è finita nell’occhio del ciclone in questi ultimi giorni dopo le dimissioni dell’intero CdA e l’interecettazioni che stanno venendo fuori stanno rivelando un quadro davvero preoccupante. Ma quali sono i reati che vengono contestati agli ormai ex membri del CdA bianconero da parte della Procura di Torino? Nel documento pubblicato al termine delle indagini preliminari, la Procura di Torino ha contestato in primis una serie di reati relativi al progetto di bilancio del 2019, dove si evidenziano “ricavi pari a 621,5 milioni di euro e una perdita di 39,9 milioni di euro”.

Juventus reati - napolicalciolive.com
Juventus reati – napolicalciolive.com

Secondo i pm, si tratterebbe di “notizie false” circa la “situazione patrimoniale, economica e finanziaria della società”, imputando quindi alla società di aver voluto celare “l’erosione del capitale sociale”. Oltre a questo, i pm hanno contestato altri reati quali “manipolazione del mercato”, “ostacolo all’esercizio delle autorità pubbliche di vigilanza” e “Dichiarazione fraudolenta mediante uso di fatture o altri documenti per operazioni inesistenti”. Reati molto pesanti che potrebbero portare a sanzioni altrettanto pesanti, non solo dal punto di vista penale.

Sebbene i membri del CdA si siano dimessi, la Juventus rischia molto anche dal punto di vista sportivo e su ciò si è espresso l’avvocato Mattia Grassani, legale del Napoli ed uno dei più esperti in ambito di diritto sportivo. E per il noto avvocato, i bianconeri sono in una situazione davvero complicata

Grassani avverte: “Indagine peggio di Calciopoli, la Juventus rischia più di un’ammenda”

Intervenuto a “Radio Anch’io Sport” su Radio Rai1, l’avvocato Mattia Grassani, noto legale del Napoli ed uno dei più esperti in ambito di diritto sportivo, ha parlato dell’indagine che vede coinvolta la Juventus. Per il legale degli azzurri, la situazione dei bianconeri è ben peggiore di quella del 2006: Questa penso che sia l’indagine più pesante della storia della Juventus, anche superiore rispetto a quella di Calciopoli nel 2006” – ha dichiarato sicuro – “i comportamenti illeciti che gli sono imputati non hanno precedenti”.

Mattia Grassani - napolicalciolive.com
Mattia Grassani – napolicalciolive.com

Grassani si è detto convinto del fatto che, per come si stanno mettendo le cose, i bianconeri rischiano davvero grosso: A livello sportivo rischia di più dell’ammenda o della modesta penalizzazione. Tutto questo potrebbe portare a una forte penalizzazione perché la norma stabilisce che se ci sono alterazione di documenti, come le scritture private, può portare conseguenze superiori rispetto alla semplice penalitàha dichiarato, aggiungendo come se il club si sia iscritto al campionato usando questi espedienti potrebbe essere escluso dallo stesso.

Grassani ha ribadito come la situazione sia peggiore a quella di Calciopoli, poiché il fatto che gli stessi protagonisti parlino della vicenda come peggiore di quella di Calciopoli significa che si sono avuti comportamenti peggiori di quelli avuti nel 2006. Il noto avvocato ha infine aggiunto come drogare i conti di una societa significa violare la competizione tra i club e di conseguenza si altera la regolartià del campionato.