Hamsik si lascia sfuggire un commento inaspettato sulla Juve: tifosi azzurri contrariati

Hamsik è tornato a parlare in questi ultimi giorni della sua ex squadra, senza farsi mancare un commento sulla Juventus: quello che ha detto ha lasciato tutti a bocca aperta.

Marek Hamsik è senza alcun dubbio uno dei più grandi calciatori che abbiano vestito la maglia azzurra, riuscendo ad entrare nel cuore dei tifosi e dell’intera città grazie all’amore che ha dimostrato per questi colori.

“Marekiaro”, così è stato rinominato dalla tifoseria, è entrato nella storia di questo club non solo per queste caratteristiche, ma anche grazie alle sue doti di leader in mezzo al campo, come dimostrano le 520 presenze in 12 stagioni con il Napoli, nessuno meglio di lui in azzurro.

Hamsik rinnova l'amore per il Napoli Napolicalciolive.com
Hamsik rinnova l’amore per il Napoli Napolicalciolive.com

Purtroppo però anche la sua avventura si è conclusa senza riuscire a riportare il tanto ambito scudetto e regalare quella gioia ai tifosi che manca dai tempi di Maradona.

Il suo addio ha lasciato una cicatrice nel cuore dei supporter partenopei, ma anche in quell’occasione si ha dimostrato il suo rispetto scegliendo di andare all’estero piuttosto che a una degli acerrimi rivali come le milanesi o la tanta odiata Juventus, con la quale esiste un odio che persiste da anni.

Da Hamsik a Maradona, simboli legati dal loro odio verso la Juventus

La rivalità tra Napoli e Juventus è probabilmente una delle più accese in Italia, soprattutto dal lato partenopeo. Quello tra i bianconeri e gli azzurri si potrebbe arrivare a definire quasi  come vero odio, seppur solo in ambito sportivo.

Testimone di questo grande astio è proprio lo storico Diez, Diego Armando Maradona, che appena arrivato in città la prima richiesta dei tifosi presenti ad attenderlo non fu lo lo scudetto, bensì di battere la tanto odiata Juventus.

Hamsik rinnova l'amore per il Napoli Napolicalciolive.com
Hamsik rinnova l’amore per il Napoli Napolicalciolive.com, foto Instagram

Diego si fece carico di questa passione viscerale, riuscendo non solo a trionfare contro i bianconeri, ma a portare per la prima volta il Napoli prima sul tetto della Serie A e poi alla conquista della storica Coppa Uefa.

Fu senza alcun dubbio il migliore della sua epoca, se non il migliore di tutti i tempi e per la città è tutt’oggi motivo di orgoglio avere lui come simbolo, perché Diego non è solo un calciatore ma un vero e proprio simbolo, un qualcosa di eterno e che va oltre la morte. A legare l’argentino con Hamsik c’è questo amore viscerale, e questo eterno odio verso i colori bianconeri, che ha rinnovato in un intervista rilasciata di recente a Dazn.

Hamsik, rinnova il suo amore al Napoli e fa un giuramento ai tifosi

L’ex centrocampista azzurro si avvicina verso la fine della sua carriera, dopo già lasciato la nazionale in tempi non sospetti. Anche per questo motivo l’emittente Dazn ha deciso di intervistarlo, e tra i temi affrontati spiccano ovviamente quello di un suo possibile trasferimento ad una rivale nel periodo in cui era capitano del Napoli.

Nel 2012 mi ha chiamato il Milan di Allegri, poi mi ha chiamato Mazzarri quando è andato all’Inter. C’è stata anche la Juventus… c’è stata qualche chiamata con Pavel Nedved, ma impossibile. Non ci ho neanche pensato. Non ho mai sentito l’esigenza di cambiare.

Hamsik rinnova l'amore per il Napoli Napolicalciolive.com
Hamsik rinnova l’amore per il Napoli Napolicalciolive.com

Un commento che ha non poco contrariato i tifosi azzurri, i quali hanno reputato quasi una azzardo il tentativo del club bianconero di strappare loro uno dei beniamini della pizza. Dodici anni dopo tutto non possono essere dimenticati soltanto perché le due parti si sono salutate. Quello tra Hamsik ed il Napoli infatti suona molto probabilmente più come un arrivederci che un addio, da tempo infatti si parla di un possibile futuro in dirigenza, ma qualcosa si muove anche su un possibile ritorno in rosa.

Chiudere qui la carriera potrebbe essere più che un’ipotesi, come ha dichiarato sempre nel corso di questa intervista. Una cosa è certa dunque, nel destino di Hamsik un ritorno sembra essere scritto, che sia come calciatore o in dirigenza solo il tempo ce lo dirà.