Argentina, è già febbre da finale: sul web spunta video incredibile

In Argentina è già febbre da finale, la Nazione è in festa nell’attesa match con la Francia e sul web spunta un video incredibile.

L’Albiceleste sente che possa essere finalmente arrivato il momento atteso da quasi 30 anni e nella Nazione intera la tensione sale di minuto in minuto: dal web arriva poi un video incredibile a sostegno di chi pensa possa essere la volta buona.

L'Argentina esulta per l'approdo in Finale - Napolicalciolive.com
L’Argentina esulta per l’approdo in Finale – Napolicalciolive.com

Dopo un mese di partite, sorprese, delusioni e tantissime emozioni, il Mondiale in Qatar è giunto all’atto finale, quello più atteso, quello che consegna il trofeo di Campione del Mondo alla vincitrice del torneo, scatenando così la più alta forma di gioia calcistica per un’intera Nazione. A contendersi tutto ciò negli ultimi 90 minuti o forse più saranno Argentina e Francia, due delle squadre favorite sin dall’inizio del torneo.

La sfida che mette d fronte Albiceleste e Blues va ben oltre la vittoria del titolo, sembra quasi più un duello generazionale tra chi, come Messi, è all’ultimo tentativo Mondiale della sua illustre carriera, e chi, come Mbappè, a soli 24 anni ancora da compiere, vuole già riscrivere la storia del gioco, vincendo la sua seconda Coppa del Mondo consecutiva come solo il Brasile di Pelè ha mai fatto prima.

Uno scontro tra tiani dunque, due squadre che sicuramente daranno vita ad un match teso ed emozionante, in particolar modo per le due tifoserie, soprattutto quella argentina. I sudamericani sono arrivati in massa in Qatar per sostenere i propri beniamini, fiduciosi che questa possa essere la volta buona per Messi e compagni di alzare l’ambito trofeo.

Argentina in finale, i propri tifosi sognano l’impresa come nel 1986

Il clima di aspettativa ed entusiasmo che c’è intorno all’Argentina, è nato ben prima dell’avvio di questo Mondiale, già dopo la vittoria della Copa America da parte della Seleccion infatti, erano stati in molti a definire Messi e compagni come i potenziali favoriti numero 1 alla vittoria dell’ambitissima Coppa del Mondo. La spinta emotiva data dal far vincere alla Pulce anche l’ultimo trofeo che manca alla sua carriera ed il giocare nel nome di Maradona, hanno poi aggiunto ulteriore sentimentalismo al tutto.

Sin dalla gara inaugurale poi persa contro l’Arabia Saudita, il pubblico argentino ha letteralmente invaso gli stadi del Qatar, animando le gare dell’Argentina con i colori della maglia ma soprattutto con i tantissimi cori inventati, tutti ormai già diventati culto non solo dalle parti di Buenos Aires ma in tutto il mondo.

Tifosi argentini in festa - Napolicalciolive.com
Tifosi argentini in festa – Napolicalciolive.com

Il calore del popolo argentino nei confronti non solo della Nazionale, ma del calcio in generale, non è di certo una notizia sorprendente. In Sud America il gioco è visto in maniera molto simile a come viene visto in Italia e anzi, se possibile, viene vissuto con ancor più tensione, arrivando ad avere al suo interno lotte sociali e politiche che vanno oltre lo sport.

Questo amore viscerale nei confronti di quello che loro chiamano Futbol porta i tifosi ad avere comportamenti di ogni genere prima, durante e dopo la partita, ma senza dubbio, una delle cose più diffuse e comuni è la scaramanzia: un video apparso sul web in occasione proprio della finale del Mondiale lo ha ancora una volta certificato.

Il 2022 come il 1986? In Argentina ci credono

Uno dei riti scaramantici più diffusi nelle ultime ore in Argentina, oltre che un modo efficace per stemperare la tensione prima di una gara così delicata, è senza dubbio quello di cercare similitudini tra questa rosa, o anche solo questo momento storico calcistico, e quella del 1986, ripercorrendo momenti, nomi, orari e non solo: questo l’intento di un divertente spot apparso sul web.

Nel simpatico video vengono ripercorse alcune delle coincidenze trovate tra la finale contro la Francia di domenica 18 dicembre, e quella famosissima vittoria del 1986. Si passa dall’orario (mezzogiorno ovviamente per il pubblico argentino, in Italia la gara sarà alle 16), sinoa cose più forzate, come il cameo di Franco Armani, che come detto dal medico, proprio nel 1986 faceva la sua prima visita. La più suggestiva resta l’ultima, oggi come allora il migliore al Mondo gioca per l’Albiceleste, almeno così sostengono 4 giovani tifosi ad un tavolo, e chissà se prorpio come allora, il numero 10 dell’Argentina alzerà al cielo la più desiderata delle coppe.