Juventus, il messaggio è forte e chiaro: “Dopo Calciopoli…”

La Juventus ha ricevuto una penalizzazione di 15 punti in classifica per la questione plusvalenze. Il paragone col passato spaventa i tifosi.

Provvedimento pesante per i bianconeri, che si ritrovano ora al decimo posto in classifica. Durante una diretta di TVPlay è stato affrontato un discorso legato all’era post-Calciopoli.

Juventus Arrivabene Agnelli Cherubini
Maurizio Arrivabene, Andrea Agnelli e Federico Cherubini – napolicalciolive.com

Dopo l’iniziale richiesta di una penalizzazione di 9 punti, la Juventus ha ricevuto un pesantissimo -15 in classifica. Dopo questo provvedimento, i bianconeri si ritrovano al decimo posto in Serie A con 22 punti. La società presenterà ricorso, ma il paragone con il passato torna a galla: ne ha parlato il giornalista Paolo De Paola durante una diretta con il canale Twitch di TVPlay.

Juventus, De Paola ricorda Calciopoli: ecco cosa sta succedendo

Mano pesante sulla Juventus: il -15 in classifica è una sanzione molto pesante che obbligherà la formazione di Allegri a sperare in un’impresa quasi impossibile per ottenere la qualificazione alla prossima Champions League. Ad ogni modo, la società ha già annunciato che presenterà ricorso poiché il provvedimento è stato ritenuto esageratamente punitivo.

Inevitabilmente, questo scenario ha riportato a galla quanto successo con Calciopoli. Gli stessi dirigenti coinvolti, come si sente nelle intercettazioni telefoniche, affermano che quanto successo negli ultimi anni fosse addirittura più grave dell’episodio del 2006. Di questo argomento ha parlato il giornalista De Paola ai microfoni di TVPlay: secondo lui, ci sono delle colpe specifiche da parte della società.

Agnelli Juventus
Andrea Agnelli, ex presidente della Juventus – napolicalciolive.com

De Paola ha infatti sottolineato: “Non ha mai fatto dopo Calciopoli una operazione trasparenza, pulizia e rigore che chiedono i tifosi. I tifosi sono costretti a trincerarsi dietro al “così fan tutti”. Da parte della società c’è mai stato una presa d’atto dove venisse nominato un garante, una figura eccezionale all’interno del CDA? E gli ultras, e il caso Suarez… son tutte cose che mettono in imbarazzo i tifosi della Juventus”.

Secondo il giornalista, dunque, sono i tifosi della Juve coloro che pagheranno maggiormente le conseguenze di questa situazione. A suo avviso, infatti, è mancata chiarezza dopo quanto accaduto nel 2006: “Mi aspettavo dopo Calciopoli un percorso che allontanasse quello che è sempre stato il leitmotiv dei tifosi avversari contro la Juve “Ladri, rubate” e cose del genere. Mi aspettavo che in qualche modo ci fossero delle operazioni trasparenza su tutte le cose”.

Allegri, con il -15 serve un’impresa: ecco la nuova classifica

Come già sottolineato, non è certo che il -15 in classifica sia un provvedimento definitivo e cementato. La Juve, infatti, presenterà ricorso al CONI nei prossimi giorni. Ad ogni modo, la classifica di oggi vede i bianconeri in decima posizione con 22 punti: per centrare una qualificazione in Europa servirà un’impresa, anche se c’è una “scorciatoia” che Allegri spera di centrare.

Allegri Juventus
Massimiliano Allegri, allenatore della Juventus – napolicalciolive.com

Considerando lo scenario di oggi, la Juventus si trova a -12 dalla zona Champions League, ma la distanza è la stessa anche per Europa League e Conference League, dato che il trio Lazio-Atalanta-Roma è a quota 34 punti. Colmare la distanza è molto complicato, ma non impossibile.

Ad ogni modo, esiste un altro scenario che prevede la qualificazione alla prossima Champions League e sarebbe anche “gratificante”: la formazione di Allegri può infatti puntare alla vittoria dell’Europa League. Il successo in questa competizione, infatti, garantisce l’accesso alla Champions.