Altra cessione bloccata: anche lui resta a Napoli

L’allenatore del Napoli, Rudi Garcia, ha le idee fin troppo chiare. Tanto è vero che avrebbe impedito la partenza di un calciatore

Prosegue la seconda parte del ritiro da parte dei campioni di Italia in quel di Castel di Sangro. Dopo la roboante vittoria in amichevole contro i turchi dell’Hatayspor, i partenopei sono pronti ad effettuare le prossime tre partite prima dell’inizio del nuovo campionato.

Il Napoli trattiene Contini
Rudi Garcia – NapoliCalcioLive.com (Foto LaPresse)

Mentre i calciatori si allenano sotto il sole cocente dell’Abruzzo, la dirigenza continua a lavorare per cercare di regalare al proprio allenatore qualche calciatore. Magari un difensore centrale che possa prendere il posto di Kim, oramai già del Bayern Monaco da settimane.

Napoli, altro che partenza: rimane in azzurro

Altro che partenza per andare a giocare in una nuova squadra: l’atleta in questione rimane in rosa e non va da nessuna altra parte. Questo è quello che ha pensato, quasi sicuramente, il tecnico partenopeo che lo ha osservato molto attentamente in questi giorni. In primis si era fatto il nome di Alessio Zerbin come quasi partente, ma pare che l’esterno d’attacco classe ’99 abbia fatto cambiare idea al proprio allenatore. Niente cessione in prestito a qualche neopromossa.

Chi ci è riuscito, invece, in questa nuova impresa è stato anche Nikita Contini. Il giovane portiere, infatti, sarà il terzo estremo difensore della squadra. Dopo la brillante stagione in Serie B, con la maglia della Reggina allenata da Pippo Inzaghi, il calciatore si è guadagnato la conferma di Rudi Garcia che lo ha promosso come terzo. Ovviamente il ruolo da titolare spetterà ad Alex Meret. Anche se il suo secondo, Pierluigi Gollini, è pronto a rubargli il posto molto presto.

Il Napoli trattiene Contini
Nikita Contini – NapoliCalcioLive.com (Foto LaPresse)

In questo caso il Napoli si candiderebbe con la rosa di portieri come la più forte della Serie A intera. Contini ha dimostrato, in più di una occasione, di essere all’altezza della situazione ed, ovviamente, anche un ottimo portiere. Tantissimi, infatti, sono stati gli anni in cadetteria in cui ha difeso i pali delle squadre in cui ha giocato. Tanto da lasciare il segno ogni volta con interventi strepitosi e salvataggi da urlo.

La cosa certa è che in questa sessione estiva non si muoverà dalla Campania. Da Meret e da Gollini, ovviamente, c’è solamente da imparare. Non è da escludere, però, che nella sessione invernale qualcosa possa cambiare nel suo futuro. Magari un nuovo club pronto a garantirgli un ruolo da titolare.

Impostazioni privacy