Home Calciomercato Napoli Ghoulam-Napoli, si avvicina il rinnovo: la firma può arrivare dopo la sosta

Ghoulam-Napoli, si avvicina il rinnovo: la firma può arrivare dopo la sosta

CONDIVIDI
Ghoulam giocatore Napoli
Faouzi Ghoulam ©Getty

Faouzi Ghoulam si sta distinguendo per un inizio di stagione tra i migliori da quando è a Napoli ma il suo rapporto contrattuale con la società partenopea è ancora tutto da delineare. Ghoulam continua infatti a trovarsi a scadenza a giugno 2018. Ma come già più volte ripetuto nelle scorse settimane da diversi organi di stampa, tra l’entourage del calciatore ed il calciomercato Napoli non dovrebbero esserci problemi. Si attende quindi solamente la firma che metta in calce il matrimonio tra gli azzurri e l’esterno algerino. Dopo tante voci che volevano il rinnovo già da annunciare nel corso del ritiro estivo di Dimaro, la questione sembra finalmente vicina ad un punto di svolta.

Calciomercato Napoli, Ghoulam vicino alla firma: contratto fino al 2022

Siamo quindi alle battute conclusive di una lunga ed estenuante trattativa, che si trascina avanti ormai da diversi mesi. Giovedì scorso c’è stato l’incontro decisivo tra la società e il terizino franco-algerino, che firmerà un prolungamento con stipendio da 2,5 milioni di euro a stagione. Secondo quanto riportato inoltre nel pomeriggio da Radio Kiss Kiss Napoli, il contratto di Ghoulam con il club di De Laurentiis sarebbe infatti in dirittura d’arrivo. L’algerino si legherà con il Napoli fino al 2022, e la firma potrebbe arrivare già dopo la sosta per le nazionali.

L’esperto di mercato Rai Ciro Venerato ha riferito ai microfoni di Radio Crc ulteriori dettagli: “Il Napoli conta di ufficializzare il tutto entro fine ottobre, da oggi al 31 ogni giorno è buono, siamo ormai in dirittura d’arrivo. La base contrattuale sarà di 2,5 milioni, ma non è escluso che si possa arrivare a 2,8, più dei bonus facilmente raggiungibili legati a prestazioni individuali e di squadra. La clausola ricordiamo sarà variabile, se busserà alla porta un club che rientra tra i primi dieci fatturati del mondo l’algerino costerà 40 milioni, altrimenti 30 o 35. Vanno ora limati solo gli ultimi dettagli legati ai diritti di immagini.”