Home Le Rubriche di napolicalciolive.com Il rendimento di Insigne e le critiche al pallonetto: il momento del...

Il rendimento di Insigne e le critiche al pallonetto: il momento del 24 azzurro

Poco efficace e troppo lezioso: piovono critiche su Insigne dopo Inter-Napoli.

Lorenzo Insigne critiche pallonetto
Lorenzo Insigne ©Getty Images

INTER NAPOLI INSIGNE CRITICHE / Altra botta d’arresto per la truppa di Sarri che pareggia a San Siro ed incassa il sorpasso da parte della Juventus, che domani sera potrebbe addirittura scappare a +4 in classifica. Al Napoli servirà una reazione immediata, questo è certo. Lo pensa anche Lorenzo Insigne: “Ci criticano e stanno cercando in tanti di metterci pressione: lasciamo a loro le parole e noi pensiamo solo alle nostre prestazioni sul campo, alla fine vincerà chi è stato più bravo. La matematica dice che possiamo ancora vincere lo scudetto ed è per questo che lotteremo fino alla fine, come abbiamo fatto fino ad ora. Sono sereno, è un periodo un po’ così, l’importante è restare concentrati e dare una mano alla squadra”. Insigne ha voglia di lottare fino alla fine, ma le critiche dopo Inter-Napoli non sono mancate neanche per lui. Il match di San Siro contro i nerazzurri di Spalletti ha presentato infatti più insidie del previsto per un Napoli incapace di offendere con efficacia in zona Handanovic. Proprio per questo morivo sono piovute critiche sulla testa di Lorenzo Insigne per il pallonetto sfoderato nella ripresa a tu per tu con il portiere nerazzurro.

Insigne, una serata storta e quel pallonetto della discordia

Un pallonetto che continua a far discutere in una serata che non verrà di certo ricordata tra le migliori della sua stagione. Lorenzo Insigne ha avuto sul destro il pallone dei tre punti in Inter-Napoli ma un eccesso di leziosità lo ha ‘costretto’ a cercare di battere Handanovic nel modo più spettacolare possibile, con un colpo sotto d’alta scuola che ha terminato la sua corsa sul fondo. Più in generale la gara di Lorenzo Insigne è apparsa decisamente sottotono nonostante un momento di forma personale comunque di buon livello, come testimoniano le prestazioni contro Roma e Cagliari. Se nella debacle contro i giallorossi era stato il migliore, nel pari contro l’Inter risulta l’uomo simbolo di un attacco spuntato. Tanto volenteroso quanto poco efficace negli ultimi metri, condendo il tutto con un pallonetto che ha fatto infuriare i tifosi.