Home Altre News Facebook raccoglie dati su chiamate ed SMS degli smartphone Android

Facebook raccoglie dati su chiamate ed SMS degli smartphone Android

Nuovo scandalo Facebook: le applicazioni di FB registrerebbero tutte le chiamate e i messaggi inviati e ricevuti attraverso i telefoni con sistema Android.

Facebook chiamate android
Facebook

FACEBOOK CHIAMATE ANDROID / Non è un periodo felice per Facebook, finito nuovamente nell’occhio del ciclone dopo lo scandalo legato allo sfruttamento dei dati personali di oltre 50 milioni di utenti da parte della società Cambridge Analytica per veicolare messaggi pubblicitari mirati durante la campagna elettorale americana. Un vero e proprio caos intorno al social network con l’icona blu ora coinvolto in un nuovo scandalo che riguarda gli smartphone Android e le app di Messenger e FB. Nei giorni scorsi un utente, Dylan McKay, ha scaricato i propri dati in possesso di Facebook e ha fatto una scoperta inquietante per moltissime persone: il social network di Mark Zuckerberg aveva conservato un registro con le sue telefonate, in entrata e uscita, e coi suoi sms. Le applicazioni di FB registrerebbero quindi tutte le telefonate e i messaggi inviati e ricevuti attraverso i telefoni con sistema operativo di Google.

Caos Facebook, raccolte chiamate ed SMS

Scandalo Facebook
Facebook

Stando al report di ArsTechnica, Facebook raccoglie questo tipo di dati maggiormente attraverso l’app Messenger, la quale richiede agli utenti anche di essere impostata come client SMS predefinito. Tale possibilità coinvolgerebbe comunque solamente gli smartphone con sistema operativo Facebook ha confermato la pratica in un comunicato, sottolineando che “il caricamento dei contatti una volta che ti iscrivi a una app o a un servizio di messaggistica è opzionale”. Lo stesso FB ha chiarito sostenendo che il contenuto di SMS e chiamate non è mai stato memorizzato da nessuna parte, né tanto meno venduto a terze parti. Inoltre pare che le app responsabili di queste problematiche siano Facebook Lite e Messenger, e che il consenso degli utenti venga in effetti chiesto al momento del primo avvio delle rispettive applicazioni.


Napolicalciolive.com è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre ultime notizie seguici qui!