Var Europa, il Napoli si schiera con Roma e Juve: tutti uniti contro Collina

Compensi ai procuratori Napoli De Laurentiis
Aurelio De Laurentiis © Getty Images

Continuano le polemiche per gli errori arbitrali in Europa.   Roma e Juve si schierano così dalla parte del Napoli invocando l’introduzione del Var anche nelle competizioni europee. 

Dall’eliminazione del Napoli contro il Dnipro in Europa League a causa di un gol concesso agli ucraini in netta posizione di fuorigioco all’eliminazione della Roma in Champions contro il Liverpool. Sono passati tre anni, ma gli errori arbitrali continuano ad essere molto frequenti in Europa.

Ai giallorossi di Di Francesco non sono stati concessi due calci di rigore nella sfida di ritorno di Champions contro i “Reds” facendo così infuriare il patron Pallotta che ha invocato l’utilizzo del Var anche in Champions ai microfoni della radio americana Sirius XM: “So che gli arbitri sbagliano e so che si rendono conto di aver commesso alcuni errori importanti e che probabilmente sono abbastanza depressi per questo, ma allo stesso tempo puoi risolvere alcuni di questi problemi col Var”.

In passato lo stesso presidente del Napoli, Aurelio De Laurentiis, aveva attaccato il designatore Collina: “Il signor Collina mi ha buttato fuori dalla competizione in passato perché evidentemente sono un uomo libero e amo parlare apertamente. Immagino che certi poteri forti che esistono ad ogni livello, quindi anche nel mondo del calcio, quindi all’interno della Fifa, della Uefa ovunque, possano rimandare rinviare questo sistema tecnologico che può rilevare quello invece si può ancora guidare”.

Var Europa, anche la Juventus dalla parte di Napoli e Roma

Agnelli polemiche Real-Juve
Andrea Agnelli © Getty Images

In Champions League anche la Juventus si è lamentata quest’anno per i torti subiti durante la sfida di ritorno al Bernabeu contro il Real Madrid per il fallo di Benatia su Vazquez avvenuto proprio negli ultimi istanti di match.

Lo stesso presidente della società bianconera, Andrea Agnelli, ha invocato l’introduzione del Var in Europa attaccando Collina: “Forse qualche riflessione sul designatore si deve fare, pare che si vada a colpire le italiane per dimostrare che il designatore è imparziale. Probabilmente una posizione del genere va cambiata ogni tre o cinque anni e, ripeto, non parlo solo per quel che è successo oggi, parlo anche degli episodi contro Milan e Lazio. C’è la tecnologia per evitare determinati errori e questi possono essere eliminati dappertutto. Se la difficoltà è istruire gli arbitri, perché questo è il problema dell’UEFA, allora istruiamoli, facciamo un corso veloce, perché avendo una tecnologia del genere questa va utilizzata”.

Napoli, Roma e Juve si schierano così per una volta tutti dalla stessa parte attaccando le modalità in Europa.