Calciomercato Napoli, De Laurentiis svela: “L’abbiamo già preso, ha fatto 20 gol”

Compensi ai procuratori Napoli De Laurentiis
Aurelio De Laurentiis © Getty Images

 

Aurelio De Laurentiis torna protagonista con una lunga intervista in cui parla di Juventus, di scudetto e di arbitri, di Maurizio Sarri e del suo futuro. Non poteva mancare, ovviamente, il discorso calciomercato. Il Napoli che si affaccia alla prossima stagione potrebbe avere connotazioni diverse, con nuovi volti e qualche cessione, ma il numero uno azzurro svela le prime mosse di mercato. “Noi abbiamo una rosa di giocatori importanti dove c’è qualcuno che ha delle clausole rescissorie e potrebbe andare via ma stiamo già lavorando con Giuntoli per prenderne altri e persino più importanti. Vi svelo: ho preso già un giocatore che ha già fatto 20 gol e gioca all’estero. Ma ho promesso che non lo dico”, le prime parole. “Ci stiamo muovendo al di là di Sarri“, ha confessato il patron azzurro. “Tanto pure se rimane Sarri lui dice solo prendimi i campioni, basta che sono maturi. D’altronde quando è venuto ha trovato una squadra fatta, con giocatori come Insigne, Callejon, Mertens. Perché mica soltanto l’allenatore è stato il motore centrale di questo successo, noi come società abbiamo fatto tutto quello che dovevamo. In passato siamo stati capaci di allestire delle rose competitive. E riusciremo a farlo anche in futuro».

Calciomercato Napoli, De Laurentiis svela il dopo-Reina

E per il dopo-Reina? “Mi piace molto Rui Patricio, ma mi sono incontrato anche con gli emissari di Leno: stiamo valutando alcune convenienze dell’uno e dell’altro. Perin? Non credo. Io starei tranquillo perché secondo me Sarri rimane ma poi se va via avremo delle alternative. Ma poi per quale motivo dovrebbe andare da qualche altra parte? Noi abbiamo un bel progetto, divertente, esaltante. Poi se mi dice datemi Iniesta o Cristiano Ronaldo e allora rimango, allora è facile così… Ma poi mi chiedo, gioca per il Napoli o per se stesso?” Sulle eventuali cessioni, De Laurentiis svela. “Quelli che non hanno la clausola dipendono da me… quelli con la clausola possono essere ceduti all’estero. E lì non mi posso opporre. Koulibaly? Non ha la clausola. E neppure Insigne ha la clausola. L’accordo Insigne-Adidas lo abbiamo fatto noi, i diritti di immagine li abbiamo licenziati noi. Adidas ha capito che se voleva dei nostri giocatori doveva trattare con noi e non direttamente con i nostri giocatori. C’era anche un’altra azienda interessata alla sponsorizzazione tecnica di Insigne e abbiamo fatto decidere a lui quella di suo gradimento».