Sepe, l’agente: “Luigi non può essere ostaggio qui. Suo futuro lontano da Napoli”

sepe
Luigi Sepe ©Getty Images

È un Mario Giuffredi molto amareggiato quello che, ribadendo quanto affermato un mese fa, si è presentato quest’oggi ai microfoni di ‘Radio Kiss Kiss Napoli’. L’agente di Luigi Sepe si sfoga durante il programma ‘Radio Goal’ per il trattamento che il Napoli avrebbe riservato al portiere, suo assistito. Rabbia però non solo per 27enne azzurro ma anche per come si è conclusa la corsa Scudetto della squadra partenopea: “L’amarezza per Sepe è maggiore perché è napoletano rispetto ad un addetto ai lavori magari che lavora nel Napoli ma non è napoletano. Alla squadra non si può dire niente, così come alla tifoseria che ha dimostrato di essere tra le migliori al mondo. Sfido chiunque a fare cià che ha fatto il San Paolo, come se avessero vinto lo Scudetto. La mazzata post Inter-Juve è stata tosta. Le ultime cinque giornate andrebbero giocate in contemporanea. Ovviamente sono state tolte energie mentali alla squadra, ma questo è anche un limite”.

Calciomercato Napoli, Sepe verso il divorzio

Le parole di Giuffredi si fanno decisamente più dure quando passa a parlare proprio dell’estremo difensore ma anche di Elseid Hysaj e Mario Rui: “Futuro dei miei assistiti dipende anche da Sarri, la sua conferma o meno può portare altri sviluppi. Dire oggi che un giocatore resta oppure no direi una cosa inesatta. Bisogna attendere. Sicuramente ti posso dire che Sepe vuole andare a giocare con continuità. Squadre? Non lo so ancora. Di sicuro deve giocare con continuità. Sono state fatte mezze promesse non mantenute, il suo futuro è lontano da Napoli. Non può essere prigioniero di un qualcosa che non gli è stato garantito”. Insomma, sembra proprio che il prossimo calciomercato porterà Sepe a separarsi, forse in maniera definitiva dal Napoli.