Jorge Mendes, la carta di De Laurentiis per il futuro

Jorge Mendes
Jorge Mendes

Negli ultimi giorni si fa sempre più insistente la voce di mercato che vuole Jorge Mendes, super procuratore portoghese, la carta di De Laurentiis per costruire il futuro del Napoli. Il nome di Mendes è stato accostato alla società azzurra per la trattativa che potrebbe portare Rui Patricio a difendere i pali del Napoli nella prossima stagione. È lui il prescelto per sostituire Pepe Reina ed è ovviamente sotto la procura di Jorge Mendes. Il portoghese dovrebbe avere un ruolo rilevante nel futuro del Napoli, una sorta di consulente esterno per facilitare operazioni di mercato altrimenti complicate. Come già fatto nel primo Chelsea di José Mourinho (anche lui sotto la procura di Mendes), il potentissimo uomo d’affari potrebbe avere una notevole influenza nelle prossime trattative di mercato del Napoli. Il suo ruolo è evidente anche nel Monaco dove è molto più di un consulente. Proprio l’incrocio tra il club monegasco e gli azzurri, potrebbe essere decisivo anche per il possibile nuovo allenatore del Napoli. Il nome proposto e rappresentato da Mendes è Paulo Fonseca dello Shakhtar. Il suo arrivo permetterebbe a Sarri di approdare al Monaco e a Jardim (attuale allenatore dei monegaschi) di scegliere il Chelsea. Fantamercato? Improbabile. Con il portoghese tutto è possibile, ma scopriamo chi è Jorge Mendes, per i pochi che non lo conoscessero ancora, e perché è una figura così importante nel mondo del calcio.

Jorge Mendes: la società e i giocatori rappresentati

Nato il 7 gennaio 1966 a Lisbona, Jorge Mendes è figlio di un funzionario e di una casalinga. È stato centrocampista, successo, DJ e imprenditore. Proprio quest’ultima attività gli ha permesso di incontrare nel suo locale il portiere Nuno Spirito Santo. Il suo sogno era giocare per il Porto. Così ha fondato Gestifute, una società nata per aiutare il suo amico a giocare per la squadra lusitana. Attualmente è composta da professionisti della comunicazione (ex giornalisti di testate sportive) e di diritto ed economia, come suo nipote Luis Correias (figlio di suo fratello), uno dei migliori esperti. Oggi Jorge Mendes, tramite la sua agenzia, gestisce 80 giocatori di primo livello (tra questi Cristiano Ronaldo, James Rodriguez, Angel Di Maria, Radamel Falcao, Diego Costa, Bernando Silva, Renato Sanches). La svolta arriva nel 2004 quando José Mourinho vince la Champions League con il Porto. Jorge Mendes convince l’allenatore a seguirlo e lo porta in Premier League al Chelsea insieme ai giocatori Ricardo Ferreira, Tiago Mendes e Deco. Ma ci sono anche casi particolari come l’acquisto del difensore José Bosingwa, per il quale Román Abramovich, proprietario del club, ha pagato Porto 20,5 milioni di euro nel 2008. E Henrique Hilario, il terzo portiere dei Blues dietro Peter Cech e Carlo Cudicini. Mendes rappresenta anche Luiz Felipe Scolari e Diego Maradona. La sua capacità di creare relazioni è infinita, basata sul suo carattere e sui suoi legami con il mondo della finanza e la leadership sportiva europea. In Spagna è stato strettamente legato a Valencia da quando Peter Lim, di Singapore, è diventato il principale azionista. Il legame portò André Gomes e Rodrigo dal Benfica al Valencia. Poco prima dell’arrivo di Guardiola a Barcellona, nel 2007, il Real Madrid è stata colonizzata da Gestifute quando nell’estate di quell’anno arrivarono Pepe dal Porto per 30 milioni di euro; nel 2009, Cristiano Ronaldo (94 milioni), e nel 2010 Mourinho. Da qui si aprirono le porte anche a Ricardo Carvalho, Di Maria e Fabio Coentrao. Ma Jorge Mendes ha anche ottimi rapporti con Barcellona e Atletico Madrid. In Inghilterra ha stretto collaborazioni con il Manchester City, mentre in Francia ha dato il suo apporto alla crescita del PSG e del Monaco.

Jorge Mendes: patrimonio, successi e premi ricevuti

Ovviamente questo giro d’affari globale porta Jorge Mendes ad essere il procuratore più ricco del mondo. La sua commissione massima è arrivata addirittura a 67 milioni di euro. La Gestifute International vanta una somma complessiva di contratti dal valore di di 645 milioni di euro. Attualmente la sua agenzia dichiara circa 400 milioni di euro all’anno. Ha vinto per sei anni consecutivi, dal 2010 al 2015, il premio come miglior agente dell’anno al Globe Soccer Awards, riconfermandosi il leader nel 2017. Ci sono due curiosità per concludere il profilo del portoghese: tra i suoi assistiti, Mendes non ha nessun calciatore italiano. Infine in occasione delle sue nozze, Cristiano Ronaldo (che grazie a lui ha rinnovato il suo contratto col Real Madrid per circa 20 milioni di euro a stagione) gli ha regalato un’intera isola greca.