Home Le Rubriche di napolicalciolive.com Sarri Chelsea, De Laurentiis: “Nessuna chiamata, Maurizio è sparito”. Cosa avverrà?

Sarri Chelsea, De Laurentiis: “Nessuna chiamata, Maurizio è sparito”. Cosa avverrà?

Castel Volturno - De Laurentiis
Aurelio De Laurentiis © Getty Images

Il patron del Napoli Aurelio De Laurentiis a ruota libera sul mercato. Svela i due prossimi colpi e torna a parlare del futuro di Sarri.

Aurelio De Laurentiis esce allo scoperto. In una lunga intervista al Corriere dello Sport, il patron azzurro svela tutta la verità su questo calciomercato infuocato del suo Napoli, alle prese tra la continuità del progetto e la rivoluzione Ancelotti. “Sento ogni giorno Carlo, è un uomo sicuro di sé che non avanza mai pretese e sa mostrare il pugno duro”, ha ammesso De Laurentiis. “Per il portiere vorrei accontentarlo. A me piace molto Meret, però quando vai dai Pozzo sai che i prezzi diventano illogici. Areola è bravissimo, Keylor Navas ha esperienza. Avrei voluto Alisson per 60mln, non è stato possibile e adesso la sua cessione è diventata un’asta”. Ma il Napoli non ha assolutamente fretta. Arriveranno due portieri”, fa sapere il presidente del Napoli. Che gioca a carte scoperte e fa intendere come verranno profusi tutti gli sforzi possibili per rafforzare la squadra. Il passato è dimenticato e bisogna guardare avanti, come lo stesso De Laurentiis ha spesso ripetuto.

Mercato Napoli, il Chelsea su Sarri e le cessioni di Hamsik e Jorginho

Molto, però, si farà anche a centrocampo tra entrate ed uscite. “Stiamo aspettando soltanto l’ok di Fabian Ruiz, che potrebbe arrivare a momenti”, ha confessato il numero uno del club. “Hamsik è stato a cena a casa mia con Venglos e mi hanno detto che sarei stato contattato da un club cinese. Non si è ancora fatto vivo nessuno. Per Jorginho ci siamo aggiornati giovedi, adesso i contatti col City li tiene Giuntoli. Ma esistono possibilità più che concrete che a breve si arrivi a definizione. Zielinski e Rog non si muovono, così come Koulibaly. Ho insistito per Chiesa sino alla follia? Sono andato a pranzo con Diego Della Valle, ho offerto 50 milioni di euro e mi ha detto: non posso, è incedibile, sennò viene la rivoluzione a Firenze. Gli ho chiesto: tienimi presente se un giorno dovessi cederlo”. Poi il capitolo Sarri. “​Non ci siamo più sentiti, non mi ha mai chiamato. Io dopo la partita con il Crotone lo ho salutato e poi ho aspettato ma né lui, né il suo manager Pellegrini si sono fatti più vivi. Dal Chelsea non ho mai ricevuto telefonate, se dovessero chiamarmi risponderei quel che è meglio per il Napoli“.

Sarri-Chelsea, c’è poco tempo: e decide ADL

Il capitolo inerente a Maurizio Sarri è dunque chiuso, nonostante ci siano ancora due anni di contratto a legare l’allenatore di origini toscane alla società azzurra. Ma con la clausola rescissoria da 8 milioni di euro scaduta a fine maggio, per liberarlo ogni squadra a lui interessata dovrà necessariamente trattare con il Napoli. Bisognerà vedere se De Laurentiis si mostrerà più conciliante oppure se vorrà sfruttare l’opportunità di avere il coltello dalla parte del manico in sede di negoziazione, anche per mandare un messaggio importante su quale sia la sua autorità.

E questo pure a costo di rimetterci i soldi dello stipendio dello stesso Sarri, che continuerebbe a percepire il suo attuale ingaggio da 1,4 milioni di euro per la prossima stagione. Ad ogni modo, il futuro di Sarri sembra essere certamente lontano dall’Italia. Ma la sua posizione dovrà essere chiarita entro il prossimo mese di luglio e non oltre, per non rischiare che si faccia troppo tardi. Il Chelsea resta l’opzione più plausibile, ma a sfavore di Sarri gioca il fatto che il campionato inglese comincerà come sempre molto presto. La data d’inizio quest’anno è l’11 agosto.


Napolicalciolive.com è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre ultime notizie seguici qui!