Home Calciomercato Napoli Milik, Ancelotti lo valuta: tra una settimana il responso a Giuntoli

Milik, Ancelotti lo valuta: tra una settimana il responso a Giuntoli

Ancelotti Milik
Sampdoria Napoli Milik ©Getty Images

Ancelotti Milik – L’allenatore azzurrò vorrebbe una settimana di tempo per valutare l’attaccante polacco, poi il responso a Giuntoli per intervenire (se necessario) sul mercato.

Dopo l’amichevole disputata ieri contro il Carpi, vinta per 5-1, Ancelotti ha detto: “In attacco siamo coperti”. Affermazioni, queste, che non darebbero spazio ad un eventuale nuovo arrivo. E così, mentre la città ed i tifosi continuano a sognare Cavani, da parte della società, e dei suoi membri, arrivano smentite su smentite. In effetti la squadra è al completo per quanto riguarda attacco e centrocampo, ma se si vuole dare un valore aggiunto ad Ancelotti non è da escludere che possa essere fatto un sacrificio là davanti. E ad essere sacrificato potrebbe essere proprio Arkadiusz Milik. Secondo quanto riferito dalla Gazzetta dello Sport, l’allenatore del Napoli si sarebbe concesso una settimana di tempo per poter valutare le condizioni e le qualità dell’attaccante, prima di virare, eventualmente, sul mercato.

Ancelotti-Milik, pronto l’assalto a Rodrigo in caso di risposta negativa

Anche De Laurentiis lo ha ammesso: “Dobbiamo dare ad Ancelotti tutto il tempo per verificare il reparto offensivo al completo. Bisogna aspettare fino al 7-8 agosto in modo da poter capire chi potrà partire e chi potrà restare”. Possibile, dunque, che l’arrivo di Rodrigo sia legato proprio al futuro di Milik e, quindi, al responso che Ancelotti darà a Giuntoli. Anche per l’attaccante del Valencia, infatti, sono arrivate conferme da parte del presidente, che ha detto di seguire il profilo. In ogni caso, per il polacco potrebbe bastare una settimana prima di conoscere la propria sorte. Soltanto dopo aver ricevuto risposte dal su allenatore, dunque, il Napoli potrebbe capire se cercare ancora nel calciomercato qualche goleador o se la presenza dei vari Milik, Inglese e (anche se difficile) Carlos Vinicius, potrà bastare a rendere la squadra ancora competitiva.