Home Calciomercato Napoli - Ultimi Scoop di mercato Rinnovo Koulibaly, le cifre e la clausola sono da super-top

Rinnovo Koulibaly, le cifre e la clausola sono da super-top

koulibaly
Kalidou Koulibaly © Getty Images

Rinnovo Koulibaly, il centrale senegalese pronto a prolungare con il Napoli, come affermato da Aurelio De Laurentiis due giorni fa. A queste cifre super.

“Per Koulibaly ho rifiutato tante offerte, una addirittura da 90 milioni . È il difensore più forte del mondo ed ha rinnovato per altri 5 anni”. Parole e musica di Aurelio De Laurentiis, che ha annunciato così il rinnovo del contratto di Kalidou Koulibaly. Ormai una bandiera del Napoli, il simbolo di chi resta in azzurro nonostante le offerte faraoniche provenienti dall’estero. Che c’erano anche in occasione del suo ultimo rinnovo, due anni fa, arrivato dopo una guerra di nervi col presidente. Ma Kalidou non ha mai dato segni di insofferenza, voleva solo ciò che gli spettava. E alla fine l’ha ottenuto, dopo un passaggio intermedio da circa 2 milioni a stagione. Il nuovo contratto scadrà nel 2023, prevede un ingaggio di 3 milioni e mezzo di euro e una clausola rescissoria superiore ai 100 milioni.

Rinnovo Koulibaly, giustissimo non cederlo


A questo punto, se andasse via, sarebbe il difensore più pagato della storia. Il giusto riconoscimento ad un grande campione. E come già specificato ieri da noi, Koulibaly non andrebbe ceduto per nessuna cifra al mondo. Nel calcio la razionalità vuole che si dica subito si ad una offerta folle. Una cosa già capitata in passato con campioni come Zidane, Ronaldo, Crespo e non solo. Perché quei soldi serviranno poi per allestire una squadra altrettanto competitiva. Ed il Napoli questo lo sa bene, avendo potuto usufruire dei proventi di elementi quali Lavezzi, Cavani e Higuain. Privarsi di lui farebbe si che gli azzurri perdano l’equilibrio difensivo tanto faticosamente cercato nelle ultime stagioni. Non è un giocatore qualunque Koulibaly, proprio per questo motivo. Andato via Higuain, il Napoli è riuscito a segnare di più con Mertens e gli altri. Ma dietro, senza di lui, sarebbe tutt’altra storia.