Confronto classifica Napoli con la scorsa stagione: un solo punto in meno

Confronto classifica Napoli
Napoli-Frosinone ©Getty Images

Confronto classifica Napoli – Lo scorso anno, dopo lo stesso numero di partite giocate, la squadra guidata da Sarri aveva raccolto grossomodo lo stesso bottino di oggi.

Il Napoli ha vinto una partita molto complicata ieri in Sardegna contro il Cagliari di Maran. I padroni di casa erano imbattuti tra le proprie mura fino a prima della gara contro gli uomini in maglia azzurra, e questo aiuta a far comprendere quanto in certi stadi e contro certe squadre il risultato non sia mai scontato, nonostante il grande divario tecnico tra le due avversarie. E’ stato Milik, con una prodezza da punizione, a regalare i tre punti ai suoi e a permettere di tenere il passo, nonostante gli otto punti di distacco, con una Juventus in forma smagliante, ancora imbattuta in campionato. Il lavoro di Ancelotti è stato finora eccezionale, nonostante qualche punticino in campionato sia stato perso.

Per essere sempre aggiornato sul Napoli CLICCA QUI

LEGGI ANCHE —> Cagliari-Napoli, Milik come Mario Rui alla Sardegna Arena

Confronto classifica Napoli, i numeri

Se l’enorme gap con la Juventus spaventa, infatti, i numeri del club campano sono invece favorevoli. Il confronto con la scorsa stagione, dopo sedici partite disputate in campionato, promette assolutamente bene. Il Napoli oggi è a 38 punti, uno solo in meno alla squadra che lo scorso anno, con Sarri alla guida, ha raggiunto lo storico traguardo dei 91 punti. Di tempo per migliorarsi per Ancelotti ce n’è ancora tanto, anche per questo i dati che emergono sono rassicuranti. In questa stagione i partenopei hanno subito due sconfitte e hanno pareggiato due volte, lo scorso anno era una sola la sconfitta in 16 giornate, ma i pareggi erano tre. Piccola differenza in negativo, ma che nel complesso non cambia il quadro ampiamente positivo del club, è il rapporto tra gol fatti e gol subiti: 35 a 10 un anno fa, 33 a 14 oggi.

LEGGI ANCHE —> Napoli sorteggio Europa League, due pericoli nell’urna di Nyon

Impostazioni privacy