Home Napoli News Napoli-SPAL, Ancelotti: “Loro organizzati, grande Meret. Possiamo migliorare”

Napoli-SPAL, Ancelotti: “Loro organizzati, grande Meret. Possiamo migliorare”

CONDIVIDI
Napoli-SPAL Ancelotti
Carlo Ancelotti in Napoli-Stella Rossa ©Getty Images

Napoli-SPAL Ancelotti – L’allenatore degli azzurri ha parlato dopo la vittoria di misura contro la squadra emiliana, commentando il match a Sky Sport.

Una vittoria di misura del Napoli, che momentaneamente accorcia sulla Juventus ed allunga sull’Inter. Al termine della gara ha parlato l’allenatore, Carlo Ancelotti. A Sky Sport, il tecnico ha commentato così il match: “Consiglio a Gattuso di fare di testa sua perchè ha il pallino della situazione, e poi di passare belle feste (ride, ndr). Finale sui nervi? E’ il gioco del calcio. Quando hai le opportunità per incrementare e non riesci dopo è normale che soffri. E’ cambiata la regola. Abbiam trovato una squadra ben organizzata, alla fine ci ha salvato Meret. Titolare contro l’Inter? Ha giocato oggi, ma anche gli altri due hanno fatto molto bene. Oggi ha fatto una parata di alto livello, d’altronde lui è un portiere di alto livello. Il rischio di pensare alla Juventus può demotivare, invece abbiamo bisogno di motivazioni. Si può migliorare”.

Per essere sempre aggiornato sul Napoli CLICCA QUI

LEGGI ANCHE —> FINALE – NAPOLI-SPAL 1-0 (46′ Albiol): palo di Mertens, grande Meret nel finale

Napoli-SPAL Ancelotti, le parole a Sky

Il tecnico, poi, ha continuato: ” Adesso stanno entrando nuovi giocatori come Ghoulam, Younes, Verdi, Meret. Abbiamo margini, e non lo dico solo oggi. La squadra ha ancora del potenziale non espresso al 100%. Qualità? Non è una questione di bellezza. Oggi abbiamo sbagliato la finalizzazione nei primi 10 minuti. Dopo non è successo, gli attaccanti hanno dato meno profondità tornando indietro e abbiamo fatto un buon possesso, ma poco efficace. Io contento del Napoli? L’ho detto tante volte, mi piace quello che faccio. E’ una gestione veramente semplice di questa squadra e di questi giocatori”.