Milan-Napoli, Ancelotti: “Manca brillantezza, nessun caso Allan”

0
51
Milan-Napoli Ancelotti
Carlo Ancelotti ©Getty Images

Milan-Napoli Ancelotti – L’allenatore del Napoli ha rilasciato alcune dichiarazioni ai microfoni di Rai Sport al termine della gara persa per 2-0 a San Siro.

Napoli irriconoscibile al San Siro. Una partita persa per demeriti della squadra, che ha giocato male e si è fatta infilare due volte da uno straripante Piatek. Al termine della gara ha espresso la propria amarezza Carlo Ancelotti ai microfoni di Rai Sport: “Un Napoli non all’altezza, ci hanno condizionato due episodi. Il Milan era molto chiuso e noi non siamo tanto brillanti da scardinare una difesa così chiusa. Abbiamo avuto qualche opportunità con tiri da fuori ma non c’è brillantezza in questo momento, la partita è stata condizionata dagli errori iniziali, altrimenti avremmo avuto più spazio. Allan evanescente? Ha fatto la sua partita come tutti, non è stta una sostituzione per demeriti, volevo mettere un attaccante in più per aprire il gioco. E’ un giocatore nostro, ha avuto qualche tentennamento ma è completamente recuperato. Il problema non è di Allan o della sua leadership, oggi la partita è stata condizionata dai contropiedi. Il Milan non ha fatto molto altro, noi non abbiamo brillantezza, il problema lì va risolto”.

Per essere sempre aggiornato sul Napoli CLICCA QUI

LEGGI ANCHE —> FINALE – MILAN-NAPOLI 2-0 (10′ e 26′ Piatek): azzurri fuori dalla Coppa Italia

Milan-Napoli Ancelotti: le parole a Rai Sport

Il tecnico napoletano ha poi continuato dicendo: “In campionato il primo tempo è stato meno intenso, ma il secondo di buon livello. Non aumentiamo i problemi che ci sono, che risolveremo. Si tratta di una partita sbagliata, non è un periodo. terzini hanno coperto coi cross, ma con difesa chiusa diventa difficile. Serviva qualche palla profonda, gli spazi erano chiusi e ripeto, ci manca brillantezza. 4-4-2 in fase difensiva, in fase offensiva proviamo a metter 4-5 giocatori tra le linee. Samp? Gioca molto bene. Europa League? No, c’è anche il campionato, dobbiamo fare il meglio possibile. Se la Juve vince è per merito loro non per demerito nostro.L’obiettivo della Champions è molto importante, poi c’è L’EL alla quale teniamo molto e vogliamo fare bella figura. Mercato? Non ci sarà nessuna sorpresa”.

LEGGI ANCHE —> Milan-Napoli 2-0, le pagelle: male Maksimovic, Insigne evanescente