Home Ultime Notizie Calcio Napoli - Live News Lavori San Paolo, l’Europa League mette tutto in discussione

Lavori San Paolo, l’Europa League mette tutto in discussione

Lavori San Paolo
Lavori San Paolo, l’Europa League mette tutto in discussione © Getty Images

L’Europa League rischia di rappresentare un grosso ostacolo per i lavori programmati al ‘San Paolo’ in vista delle Universiadi di luglio.

Secondi Radio Kiss Kiss Napoli, emittente ufficiale del Napoli, i lavori di rinnovamento dello stadio ‘San Paolo’ in vista delle Universiadi in programma nel prossimo mese di luglio rischierebbero dei forti ritardi. Questo a causa dell’eventuale percorso europeo che il club azzurro potrebbe percorrere in Europa League. Più si andrà avanti e più il restauro, con in primis l’installazione dei sediolini, rischia di poter slittare sempre più di settimane. Valter De Maggio afferma in diretta: “Il Comune si dice convinto che tra poco verranno impiantati i nuovi sediolini”. Cosa che ha fatto sapere anche il Capo di Gabinetto, Attilio Auricchio, in un altro intervento radio in mattinata. “Ma se il Napoli dovesse andare avanti in Europa League – cosa che tutti noi ci auguriamo – diventerebbe tutto più difficile”.

LEGGI ANCHE –> Salisburgo-Napoli, alla Red Bull Arena gli austriaci non perdono in Europa dal 2016

San Paolo, L’Europa League può comportare dei problemi

Difatti Aurelio De Laurentiis, per le eventuali fasi avanzate della coppa (quarti di finale ad aprile e semifinali a maggio) certamente non metterà a disposizione il ‘San Paolo’. Il Napoli infatti verrebbe penalizzato da questa situazione. Il Comune poi vorrebbe iniziare i lavori dai settori superiori dell’impianto di Fuorigrotta. Si rischia di avere a disposizione poco meno di un mese e mezzo per completare tutto quanto già messo in preventivo. Ma senza avere evidentemente preso in considerazione l’Europa League. Radio Kiss Kiss conclude così: “Se confermato, dunque, che De Laurentiis blinda i settori superiori del San Paolo è impensabile che si faccia il San Paolo nuovo”. Se questo dovesse essere lo scenario per un futuro immediato, ci sarà bisogno di nuovi confronti tra il Napoli ed il Comune.

LEGGI ANCHE –> Allegri, la panchina del Napoli era sua: “Poi arrivò Benitez”