Home Rubriche Napoli-Arsenal, demeriti azzurri evidenti ma male anche l’arbitro

Napoli-Arsenal, demeriti azzurri evidenti ma male anche l’arbitro

CONDIVIDI

L’arbitro rumeno Hategan ci mette del suo nell’eliminazione azzurra in Napoli-Arsenal, che resta comunque figlia soprattutto dei demeriti della squadra.

Napoli-Arsenal
Napoli-Arsenal ©Getty Images

I demeriti in casa azzurra dopo Napoli-Arsenal sono innegabili. La squadra allenata da Carlo Ancelotti ha perso in maniera netta sul doppio confronto, deludendo e non poco sia sul piano tecnico che caratteriale. Non è stato come contro il Liverpool attuale semifinalista della Champions League, che ad ottobre scorso si vide annichilito al ‘San Paolo’ salvo poi vincere con il minimo sindacale nella gara di ritorno del girone e togliendo proprio agli azzurri una meritata possibilità di avanzare nella più prestigiosa competizione europea. Con l’Arsenal tutto è andato male, arbitraggio compreso. Non che questo abbia avuto un peso ai fini dell’eliminazione di Insigne e compagni, sia chiaro. Ma dimostra ulteriormente che nulla abbia girato nel verso giusto. La Gazzetta dello Sport in edicola oggi riferisce di come il rumeno Hategan abbia preso più di un abbaglio, con diversi episodi che hanno sfavorito il Napoli.

LEGGI ANCHE –> Napoli-Arsenal, la delusione dovrà cedere il passo all’ottimismo

Napoli-Arsenal, l’arbitro Hategan insufficiente per la Gazzetta

Anzitutto appare molto dubbio il gol annullato a Milik al 24′ del primo tempo. Il polacco scatta sul filo del fuorigioco, la sensazione è che il Var avrebbe potuto andare più in fondo alla questione. Poi a fine primo tempo Kolasinac – che avrebbe meritato un primo cartellino giallo per una situazione di gioco precedente – atterra Callejon lanciato in corsa. Ma niente, non arriva né l’ammonizione per il giocatore degli inglesi né tanto meno in maniera sorprendente il fallo per il Napoli. La cosa ha suscitato le proteste degli azzurri al momento di rientrare negli spogliatoi all’intervallo. Poi poteva starci eccome un calcio di rigore in favore per gli azzurri al 18° del secondo tempo. Su cross di Callejon, Torreira ci mette una mano mentre si trova nella sua area. Anche qui Hategan non fischia. Ma la qualificazione il Napoli non l’ha persa comunque per questi episodi.