Home Rubriche Napoli, è Champions matematica. In arrivo anche un record europeo

Napoli, è Champions matematica. In arrivo anche un record europeo

CONDIVIDI

Napoli Champions matematica – Gli azzurri non possono matematicamente retrocedere dalla quarta posizione in campionato. Arriva anche un record.

Napoli Champions matematica
Frosinone-Napoli © Getty Images

Per essere sempre aggiornato sul Napoli CLICCA QUI

Con la vittoria ottenuta al Benito Stirpe sul Frosinone, il Napoli ha raggiunto 70 punti in campionato, mettendosi saldamente al secondo posto. Ma, per gli azzurri, la lieta notizia è arrivata nel match serale tra Torino e Milan. Con la vittoria dei granata sui rossoneri il club azzurro è matematicamente qualificato alla prossima edizione della Champions League. La classifica, infatti, vede Torino, Atalanta, Milan a 56 punti, dietro la Roma (quarta con un match in più rispetto ai bergamaschi) a 58 punti. Con 4 match rimasti da disputare e 12 punti in palio, per gli uomini di Carlo Ancelotti non c’è più alcun rischio di essere rimontati dai club sopra citati. Se l’Atalanta dovesse infatti vincere con l’Udinese e andare a 59 punti guadagnerebbe la quarta posizione, allontanando la Roma che, se anche dovesse raggiungere i 70 punti, non potrebbe sorpassare il Napoli per gli scontri diretti.

LEGGI ANCHE —> Calciomercato, futuro Mertens al Napoli. Il padre: “Ha un obiettivo”

Napoli Champions matematica, nessuna italiana come gli azzurri

Insieme alla matematica Champions, che è la quarta consecutiva, per la squadra azzurra arriva uno storico record: è la decima qualificazione consecutiva in Europa. Ovvero, per il decimo anno di fila gli azzurri si sono piazzati tra le prime sei posizioni del campionato. Nessun’altra italiana in Europa ha saputo fare altrettanto. Prova, questa, che la società del Napoli sta lavorando alla grande e sta crescendo di anno in anno, imponendosi come tra le migliori squadre a livello europeo grazie alla continuità di apparizioni tra Europa League e Champions League. Nel complesso, dunque, la stagione azzurra risulta buona, anche se a tratti insoddisfacente per il mancato raggiungimento di taluni obiettivi. Il prossimo anno potrebbe essere quello buono per alzare al cielo un trofeo importante, con Ancelotti che potrà attuare a pieno ogni piano del suo programma dopo la prima stagione fatta di tante sperimentazioni.