Home Altre News Morte Niki Lauda, è lutto in Formula 1: aveva 70 anni

Morte Niki Lauda, è lutto in Formula 1: aveva 70 anni

Morte Niki Lauda – L’ex pilota di Formula 1 aveva 70 anni ma era malato da tempo. La famiglia gli è stata accanto fino al momento del decesso.

Morte Niki Lauda
Niki Lauda ©Getty Images

E’ lutto nel mondo della Formula 1 per la scomparsa di Niki Lauda. A rendere pubblica la notizia della sua morte è stata la famiglia, attraverso una nota diffusa dal Sun. “Con profonda tristezza annunciamo che il nostro amato Niki è morto pacificamente con la sua famiglia accanto lunedì”, è quanto si legge. L’ex pilota austriaco aveva 70 anni ed era ricoverato in una clinica in Svizzera a causa di una malattia ai polmoni per la quale mesi fa aveva subito un trapianto. E così, con 25 GP vinti, 24 pole position, 54 podi e 3 titoli mondiali se ne va una leggenda assoluta della F1 e del mondo dello sport in generale. La vita di Lauda è stata piena di grandi avventure da raccontare, come il trionfo del 1975 con la Ferrari e la rivalità con James Hunt raccontata magistralmente anche attraverso il film Rush.

LEGGI ANCHE —> Prestito Gaetano, il Napoli lavora per il futuro: due club di Serie B interessati

Morte Niki Lauda, una vita nelle quattro ruote

Poi ancora il terribile incidente del Nurburgring nel 1976, il miracoloso rientro e la doppietta iridata del 1977 ancora con la Rossa. Da non dimenticare il ritiro dalle competizioni ed il successivo ritorno in pista con la McLaren e il tris mondiale del 1984. Al culmine della carriera sportiva una seconda vita, in borghese, ma ancora una volta nel mondo delle quattro ruote: è stato prima commentatore TV e consulente dei team, secondariamente presidente onorario della Mercedes. “I suoi risultati unici come atleta e imprenditore sono e rimarranno indimenticabili, come il suo instancabile entusiasmo per l’azione, la sua schiettezza e il suo coraggio. Un modello e un punto di riferimento per tutti noi, era un marito amorevole e premuroso, un padre e nonno lontano dal pubblico, e ci mancherà”, conclude la nota dei familiari. Il mondo dello sport oggi piange uno dei suoi più forti protagonisti in assoluto.