Home Rubriche Sarri Juventus, striscione a Napoli: “Ti sei venduto la dignità…”

Sarri Juventus, striscione a Napoli: “Ti sei venduto la dignità…”

L’annuncio ufficiale di Sarri alla Juventus ha sconvolto i tifosi partenopei: ecco lo striscione nel centro di Napoli contro l’ex allenatore azzurro

striscione Sarri

Per tanti anni un simbolo, per tre stagioni il “Comandante”. Ora Maurizio Sarri è diventato il nemico per eccellenza con il suo passaggio sulla panchina della Juventus. Una scelta che non è stata condivisa dai tifosi partenopei che hanno mostrato subito il loro dispiacere con uno striscione a firma “Anima Azzurra” nel centro di Napoli: “Un comandante di valore non cade in disonore. Ti sei venduto la dignità a chi ha il ‘palazzo’ di proprietà”. Dalla squadra azzurra al Chelsea finendo così come guida tecnica dei bianconeri. Dopo tanti anni di gavetta e di esperienza sui campi polverosi della Serie D e della C Maurizio Sarri si è confermato nel calcio che conta come un allenatore di primo livello. Ma la scelta di andare alla Juventus ha fatto imbufalire i milioni di tifosi azzurri che vedevano in lui un simbolo al di là del calcio.

Sarri Juventus, il motivo è la vicinanza a casa

Marina Granovskaia, braccio destro di Abramovich al Chelsea, ha svelato i motivi dell’addio di Sarri: “Nella chiacchierata avuta dopo la finale di Europa League, Maurizio ci ha chiaramente manifestato quanto fortemente volesse tornare nel suo paese, spiegando che i suoi motivi per tornare a lavorare in Italia fossero significativi. Ha ritenuto importante anche essere più vicino alla sua famiglia, e per il benessere dei suoi genitori anziani ha sentito di vivere più vicino a loro in questo momento. Maurizio lascia il Chelsea con il ringraziamento di noi tutti per il lavoro che lui e i suoi assistenti hanno fatto durante la stagione, per aver vinto l’Europa League guidandoci ad un’altra finale di coppa e per il terzo posto in Premier League. Vorremmo anche congratularci con lui per essersi assicurato il ruolo più importante in Serie A e augurargli tutto il meglio per il futuro”.