Home Napoli News Calciomercato Napoli, De Laurentiis: “Ancelotti mi ha chiesto James Rodriguez”

Calciomercato Napoli, De Laurentiis: “Ancelotti mi ha chiesto James Rodriguez”

Aurelio De Laurentiis ha rilasciato un’intervista ai microfoni de “Il Corriere della Sera” toccando tanti temi: da Sarri e Ancelotti agli obiettivi di mercato

De Laurentiis James Rodriguez (Getty Images)
James Rodriguez (Getty Images)

Aurelio De Laurentiis, presidente del Napoli, è tornato a parlare ai microfoni de “Il Corriere della Sera” sugli obiettivi futuri sul fronte calciomercato. “I nomi sul tavolo sono tanti. Carlo mi ha chiesto James Rodriguez, proviamo ad accontentarlo”. Poi ha aggiunto: “Ci sono Lozano e Manolas nel mirino, ma anche altri giocatori che seguiamo. Lasciateci lavorare, partiamo comunque da una buona base. Ai napoletani dico di fidarsi di chi finora non li ha mai traditi”. Su una possibile cessione della società partenopea ha rivelato: “Ho ricevuto offerte importanti, ma non ho mai ceduto e resto perché ci credo. Magari un giorno… Ma lo lascerei ai miei figli”.

Per essere sempre aggiornato sul Napoli CLICCA QUI

Calciomercato Napoli, De Laurentiis spiega le differenze tra Sarri e Ancelotti

Lo stesso De Laurentiis, infine, ha ribadito le differenze tra Sarri e Ancelotti specificando le loro caratteristiche: “Non ho mai creduto all’amore assoluto di Sarri e il tempo mi ha dato ragione. Ripeto spesso che sono per la monogamia. Credo nel matrimonio e del resto sono a Napoli da 15 anni, nonostante una parte della tifoseria abbia provato ad ostacolarmi. I litigi ci stanno, l’importante è restare fedeli alla causa e all’amore per i colori azzurri. La mia fu un scelta di cuore e resta tale. Sarri lavora 15 ore al giorno, non ha tempo per i rapporto umani. Credo che in tre anni non abbia mai partecipato ad una cena con i calciatori. Pensa solo alle partite, il resto è n mondo che non gli appartiene. È uomo da stadio, fa tutto per piacere ai tifosi. Ancelotti è aziendalista, una persona di mondo con cui è piacevole confrontarsi su tante cose oltre il calcio”.