Home Napoli News Fabian Ruiz: “Al futuro non penso, col Napoli mi sono fatto conoscere”

Fabian Ruiz: “Al futuro non penso, col Napoli mi sono fatto conoscere”

Dal ritiro della Spagna Under 21, Fabian Ruiz parla dell’Europeo di categoria che lo vede fin qui grande protagonista, ma anche di Napoli e di ciò che sarà.

Fabian Ruiz
Fabian Ruiz in gol in Napoli-Inter ©Getty Images

Grazie alle ottime prestazioni con la Spagna all’Europeo Under 21, Fabian Ruiz è diventato l’uomo del momento. Il centrocampista del Napoli, intervistato dall’emittente del suo Paese, ‘Radio Onda Cero’, ha parlato della sua esperienza al Napoli facendo qualche accenno al proprio futuro. Dal ritiro della selezione spagnola in Italia, dove attualmente è in corso di svolgimento in torneo, Fabian Ruiz ha detto: Adesso ho in testa soltanto l’Europeo e la partita di giovedì, la semifinale con la Francia è già una sorta di finale anticipata. Al Napoli ho la fortuna di avere un allenatore come Carlo Ancelotti, che è uno che sa come fare per farti sentire importante. Lui sa essere molto vicino ai suoi giocatori ed è molto pacata come persona. Certo però che quando si arrabbia…ma è decisamente un uomo spettacolare”.

LEGGI ANCHE –> Amichevole Napoli-Barcellona: partita la prevendita dei biglietti

Fabian Ruiz: “Con il Napoli sono diventato più forte”

Già al suo primo anno in Serie A, Fabian si è dimostrato un grandissimo acquisto per il Napoli. “Sono migliorato molto, ma non solo dal punto di vista tattico. Anche fisicamente ho intrapreso un certo percorso di lavoro personalizzato che mi ha permesso di implementare la mia massa muscolare. Questa cosa mi ha aiutato molto”. Ed è delle scorse ore la notizia per la quale il Real Madrid avrebbe presentato una richiesta ufficiale al Napoli per avere Fabian. Proposta subito rifiutata da Aurelio De Laurentiis, il quale è consapevole del valore del ragazzo e della sua importanza per il progetto azzurro nel presente e nell’avvenire. E la clausola di 30 milioni di euro pagata al Betis quasi undici mesi fa rappresenta ormai appena la metà di quello che è il reale valore del calciatore.