Home Napoli News Napoli-Feralpisalò, in amichevole trionfano gli azzurri 5-0

Napoli-Feralpisalò, in amichevole trionfano gli azzurri 5-0

Napoli-Feralpisalò, in amichevole gli azzurri trionfano cinque a zero. In rete, all’esordio, anche il neo-acquisto Manolas.

dimaro 2019 ancelotti napoli
Napoli a Dimaro 2019 – FOTO: Twitter @sscnapoli

Avversario meno impegnativo, molti più titolari in campo e il nuovo acquisto Manolas. E la differenza rispetto al Benevento si vede, soprattutto nel risultato. Finisce 5-0 sul campo di Carciato la seconda amichevole stagionale del Napoli. Di fronte la Feralpisalò dei gemelli Zenoni, squadra che quest’anno giocherà in Serie C.

Napoli-Feralpisalò, un amichevole che può raccontare molto

Due categorie di differenza e in campo si vedono tutte. La gara si sblocca dopo 6 minuti e la sblocca proprio lui: Kostas Manolas, il più atteso, che schiaccia in rete un cross di Mario Rui in quello che probabilmente è il gol al debutto più veloce della storia azzurra. Insigne fa l’esterno a sinistra, in avanti Younes ad innescare Mertens, Zielinski insieme a Gaetano a centrocampo a dimostrazione che Ancelotti continua a sperimentare una mediana tutta piedi buoni. Ma il primo tempo finisce 1-0 e stavolta è nella ripresa che ci si comincia a divertire davvero. Difesa rivoluzionata e davanti entra Simone Verdi. Lorenzo Insigne innesca il piattone dell’ex bolognese che da lì non può proprio sbagliare. Altri 6 minuti e arriva il tris, grazie a Tonelli che fa il Manolas e inzucca un bel calcio d’angolo di Callejon. Ma è la partita della riscossa di Simone Verdi e perciò rieccolo a bersaglio, innescato ancora da capitan Insigne. Si gioca nello stretto, fra no-look e colpi di tacco, Insigne ispiratissimo tenta addirittura il gol da centrocampo ma la palla esce di poco. Il pokerissimo è di Tutino, che prende palla nello spazio del solito Insigne, si libera del diretto marcatore e fredda De Lucia con un destro angolato. Cinque reti e qualche scambio piuttosto incoraggiante: c’è ancora tanto da lavorare, ma finalmente Ancelotti può tornare a sorridere.