Home Le Rubriche di napolicalciolive.com Dal possibile addio, alla doppietta di Firenze: Insigne si riprende Napoli

Dal possibile addio, alla doppietta di Firenze: Insigne si riprende Napoli

Insigne dà spettacolo nell’esordio stagionale contro la Fiorentina, riprendendosi Napoli e gettando le basi per riappacificarsi con il tifo

Lorenzo Insigne (Getty Images)
Lorenzo Insigne (Getty Images)

Evidentemente è stato messo tutto alle spalle. Due gol, due assist e una prestazione da vero leader: Lorenzo Insigne si riprende Napoli ed il Napoli, dopo che la scorsa stagione era terminata con qualche parolina di troppo tra il capitano azzurro e la piazza napoletana. Il numero 24 torna sulla sinistra e torna ad incantare, risultando tra i migliori in campo nell’esordio stagionale contro la Fiorentina di Vincenzo Montella.

D’altronde, è merito probabilmente anche di Carlo Ancelotti, che è venuto incontro alle esigenze di Insigne, riportandolo nella sua zona di competenza. Il capitano azzurro si è fatto trovare pronto alla prima in Serie A, senza girarci troppo intorno. Fulminante ed essenziale in attacco, diligente e attento in fase difensiva: il ritorno alle origini del fantasista napoletano dà subito i suoi frutti.

Insigne-Napoli, e a pensare che Lozano sarebbe dovuto essere il suo erede

Eppure, compiendo un passo indietro, l’eventuale addio di Lorenzo Insigne sembrava ormai cosa fatta. Lo stesso Mino Raiola che avrebbe portato via da Napoli il fantasista napoletano, avrebbe poi colmato il vuoto con l’arrivo di un altro suo assistito, Hirving Lozano. E invece, eccoli qui: Insigne ed il messicano, che quest’anno si preparano a condividere con la stessa maglia gioie e dolori del secondo anno azzurro di Carlo Ancelotti.

Una premessa, comunque, confortante, se consideriamo che il reparto offensivo del Napoli è tra i più attrezzati in Europa, con tanti calciatori ormai ben radicati e affiatati tra loro. E proprio Lorenzo Insigne può essere il motore centrale di tutto. Beh, centrale: decentrato a sinistra, come il cuore. E dopo un finale di stagione gelido con il tifo napoletano, il capitano azzurro si candida per diventare il vero cuore tecnico ed emotivo di questa squadra.