Home Calciomercato Napoli Cosa serve al Napoli? Il calciomercato di gennaio reparto per reparto

Cosa serve al Napoli? Il calciomercato di gennaio reparto per reparto

Cosa serve davvero al Napoli sul calciomercato di gennaio: coperta corta in difesa e un rinforzo a centrocampo. Abbondanza in attacco ma c’è il sogno Ibra.

Il calciomercato di gennaio è ormai alle porte ma cosa serve davvero al Napoli per continuare a sognare lo Scudetto e fare più strada possibile in Champions League? Mentre la piazza sogna Ibrahimovic, leader capace da solo di spostare gli equilibri anche a 38 anni, Ancelotti deve fare i conti con l’emergenza terzini e pure a centrocampo un altro innesto tornerebbe sicuramente utilissimo. Se in attacco infatti c’è addirittura abbondanza negli altri reparti la coperta sembra un po’ corta.

Di Lorenzo Koulibaly - Napoli
Napoli (Getty Images)

Cosa serve al Napoli: emergenza terzini e un centrocampista in più

Il grave infortunio di Malcuit, unito alle situazioni di Hysaj e Ghoulam che per motivi diversi sono ormai fuori dai piani di Ancelotti, potrebbero indurre il Napoli a tornare sul mercato già a gennaio per acquistare un altro terzino di ruolo da fare ruotare con Di Lorenzo e Mario Rui. Senza dimenticare che in caso di necessità nel ruolo possono essere utilizzati anche Callejon, Maksimovic e lo stesso Luperto. Luperto che intanto ha dimostrato di poter essere un quarto centrale affidabile alle spalle di Manolas, Koulibaly e dello stesso Maksimovic. A centrocampo invece Ancelotti ha attualmente a disposizione quattro mezze ali: Allan, Fabian Ruiz, Elmas e Zielinksi, tutti giocatori duttili capaci di giocare anche leggermente più larghi nel 4-4-2 atipico del tecnico. La sensazione però è che manchi qualcosa soprattutto sulla fascia destra dove dietro Callejon c’è il vuoto, mentre sulla sinistra Younes o Insigne sono l’alternativa più offensiva. In attacco infine, come detto, regna l’abbondanza con ben cinque uomini per due sole maglie: Lozano, Milik, Mertens, Llorente e Insigne. Il sogno Ibrahimovic, però, resta vivo.