Home Napoli News VAR e Giacomelli in Parlamento, Ancelotti salta Roma-Napoli

VAR e Giacomelli in Parlamento, Ancelotti salta Roma-Napoli

Il VAR e Giacomelli finiscono in Parlamento in seguito all’episodio clamoroso del rigore non assegnato a Llorente. Squalifica di un turno per Ancelotti

Giacomelli Napoli-Atalanta
Piero Giacomelli © Getty Images

Si è aperta una vera e propria bufera in seguito al clamoroso episodio di Napoli-Atalanta, in cui l’arbitro Giacomelli non ha concesso un rigore solare agli azzurri per fallo di Kjaer su Llorente, dando il via all’azione che a fronte invertito ha portato al pareggio dell’Atalanta. Come riportato dall’edizione odierna de La Gazzetta Dello Sport, sotto accusa è finita la volontà ferrea dell’arbitro Giacomelli di non ricorrere all’utilizzo del VAR per valutare l’episodio, e il VAR stesso che non è intervenuto per segnalare l’errore al fischietto di Trieste.

L’interrogazione è stata presentata dal Ministro dello Sport Vincenzo Spadafora sia alla Camera che al Senato. Secondo i parlamentari, il Napoli è stato “palesemente frodato perdendo due punti in classifica”

Napoli-Atalanta, le squalifiche: Ancelotti salta Roma-Napoli

Nella giornata di ieri sono state poi diffuse le decisioni del Giudice Sportivo di Serie A, Gerardo Mastrandrea, per le squalifiche e le sanzioni.

Un turno di stop per il tecnico del Napoli Carlo Ancelotti, per le contestazioni fatte “entrando a giuoco fermo sul terreno di gioco”. Il tecnico emiliano già nella passata stagione aveva accusato il VAR Banti di aver arbitrato al posto di Giacomelli ed aveva avuto un battibecco con lo stesso Banti a causa di un cartellino rosso estratto durante Juventus-Napoli.

Multa di 1500€ invece per Lorenzo Insigne, per le proteste plateali con l’aggravante di essere il capitano del Napoli.

Sanzione anche per il Team Manager azzurro Giovanni Paolo De Matteis, per aver “per avere, al 44° del secondo tempo, uscendo dall’area tecnica, contestato platealmente una decisione arbitrale”.

Infine, un’ammenda di 3000€ per la Società Sportiva Calcio Napoli “per avere suoi sostenitori, al 42° del secondo tempo, lanciato sul terreno di giuoco un bottiglietta di plastica”.