Home Calciomercato Napoli Rinnovo Milik in dirittura d’arrivo: parla Giuntoli a Sky

Rinnovo Milik in dirittura d’arrivo: parla Giuntoli a Sky

Cristiano Giuntoli, ds del Napoli, ha parlato a Sky in merito alle questioni rinnovo di Milik, Lozano e caso Kjaer-Llorente

Il Napoli vive un momento particolare in campionato, ma sottotraccia il calciomercato Napoli continua a lavorare soprattutto per garantire ad Ancelotti una tranquillità interna almeno per ciò che riguarda il futuro dei suoi calciatori. Il rinnovo di Milik è in dirittura d’arrivo, ma sul tavolo ci sono anche quelli di Mertens e Callejon. Al microfono di ‘Sky Sport’ è intervenuto Cristiano Giuntoli, ds del club azzurro, che ha spiegato a che punto sono le trattative per i rinnovi contrattuali: “Stiamo lavorando. Arek ha voglia di rimanere, noi abbiamo voglia di tenerlo, stiamo ragionando su un quinquennale e penso che siamo vicini. Si tratta di un ragazzo che ha una media-gol straordinaria, che crea una mole di gioco offensivo davvero imponente e che può fare sempre meglio”. Su Lozano: “Parliamo di un calciatore che pian piano sta iniziando a trovare una sua posizione in campo e una sua dimensione per la squadra. Bisogna dargli tempo, aspettarlo, abbiamo fatto un investimento importante e ci crediamo. Ha soltanto bisogno di tempo e abbiamo tutta l’intenzione di darglielo. Siamo contenti del mercato fatto, da Manolas a Llorente passando per Lozano, non abbiamo fretta e sappiamo che raccoglieremo i frutti”.

Giuntoli, il rinnovo di Milik e Napoli-Atalanta: “Grande delusione”

Giuntoli si sofferma poi su quanto accaduto in Napoli-Atalanta, il caso Kjaer-Llorente e tutte le polemiche che ne sono conseguite: “Grande delusione. Ieri siamo stati tutto il tempo nel cercare di non far pesare alla squadra la grave ingiustizia che ha subito, per tenere l’ambiente tranquillo dopo ciò che è successo. Ora c’è Roma, che è una sfida naturalmente molto difficile. E proprio nei momenti difficili si vedrà chi è in grado di arrivare fino in fondo nel modo giusto. Niente è ancora scritto, noi dobbiamo lavorare su noi stessi e farci trovare pronti se le cose dovessero mettersi bene”.