Home Napoli News Liverpool-Napoli, la fotografia perfetta di Allan e Koulibaly

Liverpool-Napoli, la fotografia perfetta di Allan e Koulibaly

CONDIVIDI

Allan e Koulibaly sono stati sicuramente tra i migliori di Liverpool-Napoli, una sfida che ancora una volta ha messo in evidenza l’importanza capitale dei due leader azzurri. 

Attenzione, concentrazione massima, forza fisica, resistenza, impatto: una serie di parole chiave che nel corso di Liverpool-Napoli hanno caratterizzato sia la prova di Kalidou Koulibaly che quella di Allan. Due veri e propri giganti azzurri capaci tenere in piedi, insieme al chiaro aiuto dei compagni, la barca partenopea anche nel momento di massima sofferenza toccato a metà della ripresa. Una prova di grande orgoglio e personalità quella di Koulibaly ed Allan con il senegalese che ha finalmente guidato come ci si aspettava alla vigilia della stagione una difesa che sulla carta doveva essere tra le più forti del campionato. Benissimo anche il mediano brasiliano, sempre in pressione sui pari ruolo avversari e mai domo al momento della lotta sul piano fisico come dimostrato in un contrasto sul finale di gara da cui è uscito vincitore contro ben 4 calciatori del Liverpool.

Napoli, le prestazioni di Koulibaly ed Allan che servono ad Ancelotti

Le prestazioni di Koulibaly ed Allan dimostrano la loro importanza capitale nel gioco di Carlo Ancelotti. Due veri e propri pilastri di difesa e centrocampo su cui poggia l’intero spartito del tecnico di Reggiolo che ha inevitabilmente bisogno di due interpreti capaci di giocare al 110% delle loro possibilità anche e soprattutto per trascinare i compagni nel corso della gara stessa. Un autentico punto di forza quando la condizione psicofisica del brasiliano e del senegalese permette ma anche un limite pesante quando al contrario Koulibaly ed Allan sono sottotono. Il gioco di Ancelotti poggia le fondamenta sulla forza di questi due singoli capaci in un senso o nell’altro di condizionare l’intera prestazione di squadra in grado di alternare dunque prove da 8 in pagella ad altre decisamente meno solide che si riversano a conti fatti anche sui risultati. L’eccessiva dipendenza da questi due calciatori potrebbe quindi essere uno dei problemi del Napoli di quest’anno.