Home Calciomercato Napoli Calciomercato Napoli, idea Danilo Pereira: arriva la risposta del Porto

Calciomercato Napoli, idea Danilo Pereira: arriva la risposta del Porto

CONDIVIDI

Il Porto chiude la porta in faccia al Napoli per Danilo Pereira, capitano del club lusitano finito nel mirino degli azzurri e non solo. 

Un centrocampista per il 4-3-3 di Gennaro Gattuso. Questo il leitmotiv degli ultimi giorni in sede di calciomercato per il Napoli che a gennaio dovrà per forza di cose regalare il rinforzo giusto al nuovo tecnico azzurro che potrà così impostare in modo corretto la sua idea di calcio. A caccia di pedine per la mediana, Giuntoli aveva cerchiato in rosso anche il nome di Danilo Pereira, centrocampista portoghese del Porto legato da un contratto fino al 2022 con i lusitani. Su di lui anche il Monaco che in estate aveva offerto 30 milioni di euro, mentre nei giorni scorsi per gennaio si era parlato di una cifra intorno ai 40 per provare a strapparlo al club biancoblu. L’attuale interesse degli azzurri si scontrerebbe però con la reale volontà del Porto, non intenzionato a lasciare partire Pereira a stagione.

Calciomercato Napoli, si complica Danilo Pereira: c’è anche una clausola

Danilo Pereira Napoli
Danilo Pereira (Getty Images)

Secondo il ‘Corriere dello sport’, infatti il Porto ha chiuso le porte ad una cessione a gennaio in quanto considerato un punto di riferimento. Un discorso quindi quello legato a Danilo Pereira da rinviare eventualmente per forza di cose alla prossima estate a meno del clamoroso pagamento dell’alta clausola rescissoria presente nel suo contratto. Il mediano lusitano infatti ha una postilla da ben 60 milioni di euro presente nel suo accordo che gli consentirebbe di cambiare squadra al di la della volontà del Porto. Idea comunque complicata e con cifre certamente fuori portata quanto meno per il mercato di gennaio. Eventualmente il discorso potrà essere riaperto in estate quando la società lusitana potrebbe rivedere al ribasso le sue pretese economiche, che comunque non dovrebbero scendere al di sotto dei 40 milioni di euro.

Giancarlo Colono