Home Napoli News Napoli-Inter, problemi per Mertens: la rivelazione di Gattuso

Napoli-Inter, problemi per Mertens: la rivelazione di Gattuso

CONDIVIDI

Come anticipato già ieri Dries Mertens non ci sarà in Napoli-Inter. Problemi fisici per il belga confermati anche oggi da Gennaro Gattuso. 

A complicare i piani di Gennaro Gattuso in vista di Napoli-Inter di domani sera ci sono le notizie che arrivano direttamente dall’infermeria azzurra e che vedono un Dries Mertens ancora acciaccato dopo gli ultimi problemi fisici. Nella giornata di ieri era stato anticipato il suo possibile forfait, confermato poi ufficialmente anche oggi dallo stesso tecnico partenopeo nel corso della conferenza stampa. Non c’è pace per il belga che inizia quindi il 2020 con il piede sbagliato, lasciando la squadra orfana già del suo talento e della sua imprevedibilità che contro la capolista Inter avrebbero senz’altro fatto molto comodo. Dopotutto i comunicati ufficiali del Napoli degli ultimi giorni, in relazione agli allenamenti del gruppo, facevano propendere verso questa direzione con l’ex PSV praticamente mai abile e arruolabile alla corte di Gattuso.

Napoli-Inter, forfait di Mertens: le condizioni

Mertens rinnovo
Mertens (Getty Images)

A svelare ulteriori dettagli sull’infortunio di Dries Mertens ci ha quindi pensato lo stesso Gattuso che nel corso della lunga conferenza stampa odierna ha ammesso: “Ha lavorato per giorni senza palla. Quando ha lavorato a livello aerobico tutto ok, nel momento in cui toccava la palla sentiva dolore. Ha ancora problemi, abbiamo deciso di mandarlo a casa per farlo manipolare un po’ dal suo uomo di fiducia. Tra qualche giorno tornerà qui. Tornerà mercoledì sera”. Mertens è stato dunque costretto a lasciare Napoli e l’Italia per andare in Belgio a curarsi al meglio in vista delle prossime settimane intense.

Oltre al folletto belga però Gattuso rinuncerà con ogni probabilità anche a Koulibaly dopo l’ultimo infortunio: “Ci abbiamo provato, grande disponibilità da parte sua ma non è il caso di rischiare di perderlo per tanto tempo. Mi sembra corretto rispettare il calciatore”.