Home Napoli News Quando riprende la Serie A: per ora perde Lotito (con ADL)

Quando riprende la Serie A: per ora perde Lotito (con ADL)

CONDIVIDI

Quando riprende la serie A? Per ora non passa la linea oltranzista di Lotito (e De Laurentiis) sulla ripresa degli allenamenti

quando riprende la serie A Lotito
Claudio Lotito (Getty Images)

No, il calcio non riparte subito: alla fine anche i più irriducibili hanno dovuto mollare. Per chi si chiedeva quando riprende la Serie A, o quantomeno gli allenamenti, la risposta è ancora incerta. Ma ciò che appare certo è che non riprenderanno questo lunedì, come richiesto a gran voce da Claudio Lotito. Al presidente della Lazio si era inizialmente aggregato anche Aurelio De Laurentiis, ma alla fine ha prevalso la necessità di fermare tutto. L’oltranzista Lotito dovrà cedere al buon senso e rimandare tutto al 4 aprile, primo giorno designato per la ripresa del training individuale.

FORSE TI INTERESSA ANCHE >>> Serie A prolungata? Il Napoli chiede anche il prolungamento dei contratti

Serie A, quando riprende ad allenarsi il calcio: qualche ipotesi sulle date

quando riprende la Serie A
Palloni in campo (Getty Images)

Ma resta comunque una domanda lecita: quando riprende la Serie A? Per ora conviene focalizzarsi più che altro sugli allenamenti, che danno il polso concreto di quella che è la situazione attuale. Una proiezione realistica prevederebbe il ritorno a calcare i campetti per il 4 aprile col lavoro individuale e per il 13 aprile con partitelle e allenamenti di gruppo. Ma ovviamente, vista la situazione, resta soltanto un’ipotesi, tutt’altro che certa. I calciatori intanto continuano ad allenarsi da soli, in casa e con programmi personalizzati.

Chi può cerca di raggiungere i familiari all’estero, come gli juventini Pjanic, Khedira e Higuain. L’ex napoletano, con tanto di certificato da tampone negativo, ha preso un aereo privato per volare in Argentina e raggiungere la mamma malata. Tutti a Napoli invece gli azzurri, che non hanno ricevuto alcun permesso e quindi resteranno in città con le rispettive famiglie. Nell’attesa che finisca tutto e che tutti possano tornare alla normalità.