Home Napoli News Rrahmani: “A luglio sarò del Napoli, ma non sappiamo come regolarci”

Rrahmani: “A luglio sarò del Napoli, ma non sappiamo come regolarci”

CONDIVIDI

Amir Rrahmani a luglio sarà un nuovo giocatore del Napoli, ma lo slittamento del campionato potrebbe tardare il trasferimento

Rrahmani Calciomercato Napoli
Amir Rrahmani con Zielinski (Getty Images)

Tra i tanti acquisti di gennaio messi a segno dal Napoli c’è anche il difensore dell’Hellas Verona Amir Rrahmani, che dovrebbe aggregarsi alla sua nuova squadra ad inizio luglio, anche se lo slittamento del campionato potrebbe modificare i tempi. Di questo ed altro il difensore kosovaro ha parlato ai microfoni di Supersport, raccontando i problemi che sta causando l’emergenza coronavirus, con il conseguente blocco del campionato: “Sono dovuto stare in isolamento perché alcuni calciatori della Sampdoria (squadra affrontata dal Verona prima dello stop), sono risultati positivi al Coronavirus. Per me è una situazione molto strana. Sono da solo in casa ad allenarmi con la cyclette. Per fortuna la mia famiglia sta bene”.

Dubbi sul quando si aggregherà al Napoli: “Dal primo luglio sarò un giocatore del Napoli, ma adesso non sappiamo come regolarci sui tempi. La Serie A è stata fermata sino al 3 aprile, ma quasi sicuramente lo stop verrà prolungato, come ha fatto capire il Presidente del Consiglio Conte in questi giorni.”

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE – Serie A o non Serie A, questo è il dilemma: rischio annullamento concreto

Rrahmani sullo stop: “Giusto fermarsi, il calcio senza pubblico non ha senso”

Nel corso dell’intervista Rrahmani ha confermato che fino a questo momento non è stato effettuato nessun test per i giocatori del Verona: “Io e i miei compagni del Verona non siamo stati sottoposti ad alcun test sul virus, perché nessuno di noi ha mostrato sintomi. Può darsi che questi verranno effettuati quando ricominceranno gli allenamenti, ma al momento non si sa quando torneremo alla vita di sempre. Allenarsi a casa è molto complicato, però fermarsi è stata la cosa più giusta, anche perché il calcio non ha senso senza i suoi tifosi. Quando abbiamo giocato a porte chiuse contro la Sampdoria non c’era l’entusiasmo di sempre. Speriamo che tutto si risolva al più presto”.