Home Calciomercato Napoli Milik-Napoli, addio sempre più probabile: il Milan offre una contropartita

Milik-Napoli, addio sempre più probabile: il Milan offre una contropartita

CONDIVIDI

Le chances di vedere Arkadiusz Milik con la maglia del Napoli anche l’anno prossimo diminuiscono: piace al Milan che ci prova con una contropartita.

Milik Napoli
Milik Napoli (Getty Images)

Un contratto in scadenza nel 2021 ancora da rinnovare, intesa che tarda ad essere raggiunta: questi i fattori che rischiano di giocare un ruolo decisivo per il futuro di Arkadiusz Milik, ad oggi sempre più lontano dal Napoli. Il club azzurro sembra essersi rassegnato all’idea di perdere il polacco che si appresta a dire addio dopo quattro stagioni in salsa agrodolce, caratterizzate in alternanza da infortuni a profusione e da goal, spesso pesanti.

Milik potrebbe però continuare la sua carriera entro i confini italici: il Milan vorrebbe farci un pensierino in previsione della fine del rapporto con Zlatan Ibrahimovic, il cui accordo in scadenza il 30 giugno non dovrebbe essere prolungato. Ceduto Piatek all’Hertha Berlino, i rossoneri si ritroverebbero senza una prima punta di peso e l’ex Ajax sarebbe l’ideale per colmare questo vuoto nel reparto avanzato. Secondo quanto riportato da ‘La Gazzetta dello Sport’, l’idea di Ivan Gazidis sarebbe quella di inserire nella trattativa il cartellino di Franck Kessié, in modo da abbassare l’esborso economico (il Napoli valuta Milik tra i 35 e i 40 milioni di euro).

FORSE POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Amarcord – La storia di Maggio al Napoli: dieci anni d’amore e l’addio negato

Kessié al Napoli per Milik? E’ un pupillo di Gattuso

Milik Napoli Kessié
Kessié Milan (Getty Images)

Il Milan conta di ottenere il sì grazie alla stima nutrita da Gattuso nei confronti di Kessié: il tecnico sarebbe felice di allenare nuovamente l’ivoriano, ma appare difficile che Aurelio De Laurentiis accetti questo compromesso, rinunciando a buona parte dell’incasso che un giocatore – comunque con buon mercato – come Milik potrebbe garantire. L’intenzione del patron partenopeo è di monetizzare il più possibile dall’addio del classe 1994 che nell’estate 2016 venne pagato 32 milioni, e che da allora ha visto incrementare il suo valore, sia tecnico che economico.