Home Napoli News Rinnovo Zielinski, tutto fermo: c’è un dettaglio che blocca la firma

Rinnovo Zielinski, tutto fermo: c’è un dettaglio che blocca la firma

CONDIVIDI

Rinnovo Zielinski, frenata improvvisa sull’accordo dopo che sembrava ormai solo una formalità. La causa è ancora dovuta all’ammutinamento post Napoli-Salisburgo

Piotr Zielinski
Piotr Zielinski (GettyImages)

Sembrava ormai tutto fatto in attesa dell’ufficializzazione che sarebbe arrivata una volta terminata l’emergenza coronavirus, ma invece per il rinnovo di Piotr Zielinski è attualmente tutto bloccato. L’accordo c’è, sulla base di un rinnovo da 2.5 mln a stagione più bonus fino al 2024, più del doppio di quanto percepisce attualmente (1,1 mln annui), ma c’è un dettaglio che ha creato uno strappo tra il presidente azzurro Aurelio De Laurentiis e l’entourage del centrocampista polacco. Come riportato nell’edizione odierna de La Gazzetta Dello Sport, l’agente di Zielinski ha chiesto formalmente al patron azzurro di rimuovere la minaccia della causa civile per danni d’immagineRichiesta respinta immediatamente al mittente da De Laurentiis, che è apparso irremovibile sulla sua decisione, allontanando così quella firma che sembrava ormai scontata. Adesso il ds del Napoli Cristiano Giuntoli è al lavoro per ricucire lo strappo creatosi tra le parti, ma la sensazione nonostante tutto sembra che la situazione si concluderà con un lieto fine.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE – Mertens: “Anch’io mi sento napoletano”e dona la maglia del record all’asta

Rinnovo Zielinski, lo stop è dovuto alla stessa causa di Mertens?

Mertens dona all'asta la sua maglia
Esultanza di Mertens in Napoli – Barcellona (Getty Images)

Come riferito da calciomercato.it, la notizia che sta rimbalzando nelle ultime ore è che la frenata sul rinnovo di Dries Mertens avvenuta già nei giorni scorsi è dovuta allo stesso motivo di Zielinski, ovvero la rimozione della minaccia di causa civile. Le parti in causa si sono rese disponibili a pagare la multa, ma De Laurentiis non ha alcuna intenzione (almeno attualmente) di cedere alle pretese dei procuratori. Intanto anche il tecnico Gennaro Gattuso, che non vuole assolutamente rinunciare ai due calciatori, sta effettuando un lavoro di mediazione tra le parti in causa.