Home Napoli News Tegola Napoli: si fa male Manolas. Si teme uno stop più lungo...

Tegola Napoli: si fa male Manolas. Si teme uno stop più lungo del previsto

CONDIVIDI

Infortunio Manolas, più grave del previsto l’infortunio del difensore greco, fermatosi ieri durante l’allenamento individuale. Si teme oltre un mese di stop

Manolas calciomercato Napoli
Manolas e Lautaro (Getty Images)

Ancora non c’è una data per la ripartenza del campionato, ma il Napoli a pochi giorni dall’inizio degli allenamenti individuali deve già fare i conti con il primo infortunato. Si tratta di Kostas Manolas, che durante l’allenamento di ieri si è fermato a causa di un problema alla coscia destra. All’inizio sembrava un semplice fastidio muscolare, ma gli esami strumentali hanno evidenziato una distrazione di secondo grado al muscolo membranoso della coscia destra. Questo il comunicato del club azzurro: “Manolas si è sottoposto ad accertamenti diagnostici che hanno evidenziato una distrazione di secondo grado del muscolo semimembranoso della coscia destra. Il difensore azzurro si era infortunato ieri durante l’allenamento individuale facoltativo svolto al Training Center. Le sue condizioni saranno valutate nelle prossime settimane”.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE – Calciomercato Napoli in entrata: nuovo nome per l’attacco

Infortunio Manolas, i tempi di recupero: oltre un mese di stop?

serie A in chiaro
Kostas Manolas esulta contro il Torino (Getty Images)

Se la Serie A dovesse ripartire effettivamente il prossimo 13 giugno, molto probabilmente il difensore greco Kostas Manolas non ci sarà al ritorno in campo. L’infortunio dell’ex centrale della Roma è infatti risultato più grave del previsto, e potrebbe andare anche oltre un mese di stop. Per avere un’analisi certa dei tempi di recupero bisognerà attendere almeno la prossima settimana, in cui sarà valutata l’entità. Il ritorno agli allenamenti dopo un lungo periodo di stop però, potrebbe provocare ancora tanti altri infortuni, come successo al Real Madrid con Jovic, che dovrà star fuori addirittura per quasi quattro mesi.