Home Curiosità Lozano confermato: un jolly per Gattuso, anche nel cambio modulo

Lozano confermato: un jolly per Gattuso, anche nel cambio modulo

CONDIVIDI

Sia Gattuso che Giuntoli hanno confermato la presenza di Lozano nel progetto Napoli: il Chucky si giocherà le sue carte, anche in un nuovo modulo.

lozano gattuso modulo
Hirving Lozano (GettyImages)

Hirving Lozano non si muoverà da Napoli. Il direttore sportivo Cristiano Giuntoli ha allontanato le voci di mercato sul suo conto. L’arrivo di Mino Raiola a Castel di Sangro, agente del calciatore, non centrerebbe nulla con il futuro del messicano. Il Chucky ha la piena fiducia di Gattuso e della società, anche dopo aver giocato una stagione non all’altezza delle aspettative. L’investimento economico fatto la scorsa estate è stato importante e, vista anche l’età del calciatore, si è valutato di dargli un’altra chance. Quest’anno, l’attaccante classe 1995 avrà la possibilità di terminare il raduno dal primo all’ultimo giorno e non dovrà abbandonare la squadra per le partite con la Nazionale, come faranno i suoi compagni europei. Infatti, a causa della pandemia, la Fifa ha posticipato tutte le finestre dei match internazionali, eccetto quelle organizzate dalla Uefa.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Incontro Raiola-De Laurentiis a Castel di Sangro: i retroscena

Il nuovo Napoli di Gattuso: dove giocherà Lozano

lozano gattuso napoli
Lozano al San Paolo (GettyImages)

Nella conferenza stampa di presentazione del ritiro azzurro, Gennaro Gattuso ha svelato che starebbe pensando a nuovi schemi offensivi. L’arrivo di Osimhen permetterebbe maggiore verticalizzazione, lanci lunghi e un gioco più rapido. Non lontano dalle corde di Lozano, il quale ha dimostrato di essere più decisivo e più a suo agio in campo aperto e in velocità.

Sempre Ringhio, alla domanda sulla possibilità di vedere il neo-acquisto e Mertens giocare assieme, ha risposto: “Non ho solo loro, c’è anche Hirving che può fare molto di più”. Il Chucky, dunque, potrebbe giocare punta in un 4-3-3. Potrà esser schierato ala sinistra, suo ruolo principale, ma saldamente riservato a Lorenzo Insigne. E potrà giocarsi il posto sulla fascia destra, lasciato vuoto dalla partenza di José Callejon. Non è da escludere un cambio modulo da parte dell’allenatore azzurro, al quale starebbe lavorando in questi giorni. In un 4-2-3-1, il messicano potrebbe prendere posizione anche dietro il centravanti, che sia il belga, il nigeriano o Andrea Petagna, escluso dal ritiro a causa del tampone risultato positivo.

Il Napoli provò a cambiare già impostazione di gioco con Ancelotti, ma senza trovare grossi successi. Con alcuni nuovi innesti e con quelli arrivati a gennaio, la squadra potrebbe abbandonare definitivamente il 4-3-3 per trovare maggiore compattezza a centrocampo ed esporsi meno agli attacchi avversari, vista la mancanza dell’instancabile numero sette spagnolo.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Napoli, Gattuso e il rinnovo che non c’è: allena in ritiro ma è in scadenza