Home Napoli News Insigne-Napoli, amore infinito: pronto il contratto a vita

Insigne-Napoli, amore infinito: pronto il contratto a vita

CONDIVIDI

Insigne potrebbe presto legare tutta la sua carriera al Napoli: contratto a vita e ruolo di capitano simbolo come fu Totti per la Roma.

Insigne Napoli
Insigne Napoli (Getty Images)

Dici Milan e pensi a Paolo Maldini, dici Roma e la prima persona che ti viene in mente è Francesco Totti. Accostamenti logici, quasi banali, che non hanno bisogno di spiegazione: chi fa la storia di un club – prima o poi – verrà identificato col club stesso. Questo è ciò che spera di fare Lorenzo Insigne: lo ‘scugnizzo’ di Frattamaggiore, ad onor del vero, è già sulla buonissima strada e si appresta a diventare un’icona del Napoli nel vero senso della parola.

Come riportato dal ‘Corriere dello Sport’, non ci sono praticamente dubbi su quello che sarà il suo futuro: Insigne rimarrà al Napoli anche oltre l’attuale scadenza (30 giugno 2022) del contratto, tanto che il rinnovo appare come una formalità da espletare in tempi brevissimi. D’altronde anche il cambio di procuratore (da Mino Raiola si è passati a Vincenzo Pisacane) aveva fatto presagire che le strade del capitano azzurro e della società non si sarebbero divise, nemmeno di fronte ad offerte sulla carta irrinunciabili che nella carriera di un calciatore di primo livello possono sempre capitare. Aurelio De Laurentiis sta ragionando su un contratto con una durata tale da far pensare che Insigne chiuderà la carriera all’ombra del Vesuvio per poi, chissà, intraprendere quella da dirigente.

FORSE POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Napoli, l’urlo di Insigne: allontana le critiche e supera Higuain

Insigne al Napoli, storia d’amore senza confini

Escludendo le tre esperienze in prestito alla Cavese, al Foggia e al Pescara, la carriera di Insigne è stata interamente a tinte azzurre: quanto basta per fare di lui non solo un simbolo tecnico, ma anche un ambasciatore della napoletanità in Italia e nel mondo. Quando deciderà di smettere non potrà che ricevere una proposta dirigenziale come è accaduto tra la Roma e Totti, seppur alla fine il rapporto si sia concluso in maniera brusca a causa di divergenze con la vecchia proprietà di James Pallotta. L’auspicio è che questo nel caso di Insigne non accada: il Napoli ha bisogno di lui e viceversa.