Home Napoli News Il ct polacco ‘legge il futuro’ di Milik: “A gennaio possibile addio”

Il ct polacco ‘legge il futuro’ di Milik: “A gennaio possibile addio”

CONDIVIDI

Jerzy Brzęczek si sbilancia sul futuro di Arkadiusz Milik, escluso dal Napoli dalle liste dopo il mancato rinnovo del contratto.

milik roma napoli
Arkadiusz Milik (GettyImages)

Arkadiusz Milik è praticamente scomparso dai radar del nostro calcio: colpa dell’esclusione dalla lista Serie A e da quella UEFA operata dal Napoli dopo aver preso atto della volontà del giocatore di rimanere in azzurro, in seguito al mancato trasferimento alla Roma che ad un certo punto della sessione estiva del calciomercato sembrava cosa fatta. Le uniche opportunità di vedere il campo per l’ex Ajax sono le gare con la sua Polonia: il ct Brzęczek, infatti, lo ha convocato per l’amichevole contro l’Ucraina e le sfide di Nations League con Italia e Olanda.

Il commissario tecnico polacco è intervenuto in conferenza stampa, augurandosi un futuro diverso per Milik ma anche per Grosicki, pilastri della Polonia ma ai ferri corti con i rispettivi club: “Milik e Grosicki non stanno giocando, per questa squadra sono due giocatori molto importanti. Hanno una qualità incredibile e naturalmente conto tanto su di loro. Per loro non è un momento facile, ma penso che a gennaio qualcosa possa cambiare. In merito alla loro disponibilità sono tranquillo”.

FORSE POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Le motivazioni ‘inaccettabili’: perché il Napoli non può fermarsi

Milik a un bivio: l’addio a gennaio sarebbe un bene per tutti

La permanenza al Napoli di Milik si è trasformata in una lenta agonia che avrà fine soltanto con il divorzio definitivo tra le parti, possibile già a gennaio se qualche società decidesse di pagare un indennizzo ad Aurelio De Laurentiis. Il rischio che il polacco se ne vada a parametro zero è elevato e proprio questo dettaglio potrebbe far slittare di alcuni mesi il suo ritorno in campo in pianta stabile. Anticipare la separazione sarebbe, però, un bene sia per il giocatore (che riassaporerebbe in maniera costante l’ebbrezza agonistica) che per il Napoli, in quest’ultimo caso da un punto di vista prettamente economico.