Home Napoli News Crotone-Napoli 0-4: cronaca, tabellino e pagelle

Crotone-Napoli 0-4: cronaca, tabellino e pagelle

CONDIVIDI

Il Napoli passa 0-4 a Crotone e torna al terzo posto insieme alla Juventus: cronaca, tabellino e pagelle dello ‘Scida’.

Il Napoli vince 0-4 sul campo del Crotone nella decima giornata di Serie A e riaggancia la Juventus al terzo posto scavalcando Sassuolo e Roma. Ancora una volta decisivo capitan Insigne, autore sia del goal che apre la gara  che dell’assist in occasione del raddoppio. Ora c’è l’esame Europa League: con la Real Sociedad giovedì sera servirà almeno un pareggio per qualificarsi ai sedicesimi di finale.

FORSE POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Demme il metronomo: Gattuso non può farne a meno

Crotone-Napoli: cronaca e tabellino

Gattuso ruota alcuni uomini in vista della decisiva gara di Europa League contro la Real Sociedad: rispetto alla gara di giovedì in Olanda rientrano Manolas, Mario Rui e Lozano, turno di riposo invece per Fabian Ruiz e Mertens. Chance dal 1′ quindi per Demme e Petagna. Nel Crotone c’è l’ex Luperto in difesa, davanti la coppia Messias-Simy. Nella prima mezz’ora il Napoli soffre un po’ ritmo e pressing dei calabresi, per sbloccare la gara così serve una doppia magia sull’asse ZielinskiInsigne col capitano che la piazza di destro sul palo più lontano. Il Crotone però non si arrende e Vulic, subentrato al posto di Benali, ha la palla del possibile pareggio ma Ospina è reattivo. A inizio ripresa Petriccione entra duro su Demme e l’arbitro, richiamato dal VAR, estrae il rosso diretto. Una volta in superiorità numerica il Napoli controlla la gara senza problemi e poco dopo trova il raddoppio con Lozano su assist del solito Insigne. Nel finale Demme e Petagna calano il poker.

Lorenzo Insigne esulta
Insigne ancora a segno (Getty Images)

CROTONE-NAPOLI 0-4

MARCATORI: 31′ Insigne, 58′ Lozano, 76′ Demme, 91′ Petagna

CROTONE (3-5-2): Cordaz; Cuomo, Marrone, Luperto; Pereira (86′ Eduardo Henrique), Benali (36′ Vulic), Petriccione, Molina, Reca; Messias, Simy (86′ Dragus).

NAPOLI (4-2-3-1): Ospina; Di Lorenzo, Manolas, Koulibaly (83′ Maksimovic), Mario Rui; Bakayoko (78′ Lobotka), Demme; Lozano (77′ Politano), Zielinski (69′ Mertens), Insigne (78′ Elmas); Petagna.

Arbitro: Marinelli

Ammoniti: Koulibaly (N), Cuomo, Pereira, Reca (C), Lobotka, Politano (N)

Espulsi: 50′ Petriccione

Le pagelle del Napoli: Insigne top, Zielinski inventa

OSPINA 6,5: Se la cava come sempre benissimo con i piedi, attento nelle uscite. E’ decisivo quando nega a Vulic il gol del possibile 1-1.

DI LORENZO 5,5: Spinge poco e nel primo tempo soffre troppo Reca. Grave l’errore sull’inserimento di Vulic che potrebbe costare il pareggio.

MANOLAS 6.5: Partita fisica su Simy, il greco lo controlla senza troppi problemi e chiude anche qualche buco dei compagni di reparto.

KOULIBALY 6: Svagato all’inizio, si fa saltare da Messias rimediando subito un cartellino giallo che potrebbe complicare la sua gara. Cresce alla distanza.

MARIO RUI 6: Spinge meno del solito, ordinato in fase difensiva. Sempre affidabile.

DEMME 7: Non solo grinta. Recupera un’immensa quantità di palloni, aiuta i compagni e trova anche il gol con un preciso diagonale.

BAKAYOKO 6,5: Il solito mastino in mezzo al campo. Ormai un titolarissimo di questa squadra.

LOZANO 7: Continua il percorso di crescita nel messicano che cresce alla distanza e chiude la partita sfruttando al meglio il solito assist di Insigne.

ZIELINSKI 7: All’inizio fatica a trovare la posizione, poi si accende e con una magia serve a Insigne la palla che sblocca la gara. Scintilla.

INSIGNE 7,5: Il gol è una perla da top player assoluto, poi serve l’assist del raddoppio a Lozano. In mezzo qualche errore per dimostrare che è umano anche lui.

PETAGNA 6: Lotta e si sbatte per la squadra ma conferma i suoi limiti tecnici. Nel primo tempo Insigne gli serve in piena area la palla del vantaggio, lui spara addosso a Cordaz. Poi si rifà calando il poker in pieno recupero.

MERTENS 6,5: Gli bastano venti minuti per servire due assist e sfiorare il gol. Giovedì il posto al centro dell’attacco sarà suo.