Home Napoli News Napoli, la difesa regge gli urti: è la migliore in Serie A

Napoli, la difesa regge gli urti: è la migliore in Serie A

CONDIVIDI

Il Napoli ha la miglior difesa della Serie A, ma pesa la sconfitta a tavolino: il segreto degli azzurri.

napoli real sociedad kalidou koulibaly
Kalidou Koulibaly (GettyImages)

È paradossale che le classifiche ufficiali riportino 10 reti subite per il Napoli. Come se quella famosa battuta, per la quale Tavolino a un certo punto sia stato il capocannoniere della Serie A, si fosse improvvisamente trasformata in realtà. Una realtà distopica, sicuramente, ma del resto in tutta questa situazione di lineare c’è ben poco. Ma ciò che conta, a conti fatti, è che il Napoli di reti reali ne ha subite solo 7 ed è la miglior difesa del campionato, con buona pace di Juventus e Verona ferme a 8. Sette reti in 9 partite, 3 delle quali in un’unica gara contro il Milan.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Crotone-Napoli 0-4: cronaca, tabellino e pagelle

Napoli, i segreti della miglior difesa: Koulibaly e l’equilibrio

napoli difesa
Mario Rui, Koulibaly, Lozano e Bakayoko (GettyImages)

Un muro impenetrabile forte di un terzetto ormai collaudato, con Di Lorenzo, Manolas e Koulibaly praticamente sempre presenti, e una solidità ritrovata anche a centrocampo, con l’innesto di Bakayoko che ha dato enorme equilibrio alla squadra. Il francese è il tassello aggiuntivo che mancava alla squadra. Difesa al top e i numeri dimostrano che il leader è senza dubbio il senegalese. Kalidou è tra i 5 difensori di Serie A che ha recuperato più palloni. Inoltre, assieme a Kostas ha trovato quella sintonia che lo scorso anno mancava.

Ma non bisogna dimenticare l’attacco: sono 24 i gol segnati e in questa speciale graduatoria il Napoli è secondo soltanto all’Inter, che ne ha fatti 26. Numeri che rispecchiano la posizione attuale del gruppo di Gattuso, che se recupera anche il punto di penalizzazione è secondo in classifica e può puntare sempre più in alto.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Dal ‘San Paolo’ al ‘Diego Armando Maradona’: battesimo in Europa?