Home Calciomercato Napoli Napoli, ancora braccio di ferro con Milik. Una pretendente per Malcuit

Napoli, ancora braccio di ferro con Milik. Una pretendente per Malcuit

CONDIVIDI

Il calciomercato del Napoli è sempre ancorato al braccio di ferro con Milik. Intanto spunta una pretendente per Malcuit

marsiglia milik
Arkadiusz Milik (GettyImages)

Sono passati 4 lunghi mesi, eppure la situazione fra il Napoli e Arkadiusz Milik non sembra essere cambiata di una virgola. Le offerte ci sono, o meglio ci sono squadre interessate a prenderlo, ma nessuna di queste finora ha il gradimento di tutte le parti in causa. E così continua quel muro contro muro tra un calciatore e un club che non sono disposti a venirsi incontro e sono anche disposti a farsi del male pur di non accontentare l’altra parte. L‘Atletico Madrid sembra essere scappato a gambe levate di fronte alla richiesta del Napoli, che parte da 15 milioni di euro. Più malleabile il Marsiglia, che ha espresso ufficialmente gradimento attraverso il suo allenatore Villas Boas. Molto più fredde le italiane, con la Juve in testa, che fiuta l’affare a scadenza ed è pronta ad aspettare giugno. E così le possibilità che Milik resti a fare tribuna a Napoli salgono di giorno in giorno.

Lo Spezia su Malcuit. Hysaj rinnova?

Napoli Malcuit mercato
Kevin Malcuit ©Getty Images

C’è invece un interesse concreto per l’altro esubero in rosa: Kevin Malcuit. Ha chiesto informazioni lo Spezia, ma anche nel suo caso resta da capire se il calciatore sarà più malleabile rispetto alla scorsa estate, quando rifiutò tutte le destinazioni disponibili. Si cerca una sistemazione anche a Ghoulam e in quel caso si potrebbe valutare l’idea Emerson Palmieri del Chelsea, in cima alla lista per il ruolo di esterno sinistro. Non partirà invece Hysaj, che ha concrete possibilità di andare a scadenza a giugno ma si è aperto uno spiraglio per il rinnovo: “Il suo valore è anche un po’ equivocato dal pregiudizio di alcuni tifosi. Ha voglia di restare, ma abbiamo offerte dall’estero”, ha detto il suo agente, Mario Giuffredi.