Home Napoli News Disastro Elmas in Napoli-Spezia: altra occasione sprecata

Disastro Elmas in Napoli-Spezia: altra occasione sprecata

CONDIVIDI

L’impatto di Elmas in Napoli-Spezia è stato disastroso: fotografia perfetta di una stagione al di sotto delle aspettative.

Elmas Napoli
Elmas Napoli (Getty Images)

Nel Napoli sprecone e riuscito nell’impresa di perdere contro lo Spezia nonostante la superiorità numerica, c’è un giocatore che probabilmente rappresenta al meglio tutte le difficoltà incontrate finora: Eljif Elmas. Il centrocampista macedone è stato inserito da Gattuso nell’ultimo quarto d’ora del match giocato al ‘Diego Armando Maradona’, nel tentativo – miseramente fallito – di dare il cambio di passo ad una squadra per niente lucida negli ultimi metri. Anzi, dopo l’inserimento di Elmas la situazione è, se vogliamo, addirittura peggiorata: dopo cinque minuti Pobega ha trovato il goal dell’insperato vantaggio e l’ex Fenerbahce non ha lasciato il segno in campo, almeno quello positivo.

Almeno un paio, infatti, le occasioni clamorose non sfruttate a pochi metri dalla porta difesa egregiamente da Provedel, una delle quali un rigore in movimento che Elmas ha calciato alto spiazzando il portiere ma senza inquadrare lo specchio della porta. La gara con lo Spezia è stata solo l’ultima goccia che ha fatto traboccare un vaso già colmo da tempo, riempito dalla mediocrità espressa a più riprese e che ha fatto arrabbiare i tifosi del Napoli, increduli alla vista di un giocatore lontano parente di quello intraprendente e creativo ammirato nella passata stagione.

FORSE POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Napoli come Dr Jekyll e Mr Hyde: ritornano i fantasmi contro lo Spezia

A Napoli una sola domanda: dov’è finito il vero Elmas?

Forse il motivo di questo flop è da ricercare in un impiego non da top player: normale il dato delle presenze totali collezionate in stagione (16), la cui percezione a riguardo cambia con il numero delle volte in cui Elmas è sceso in campo dal primo minuto (4). Evidentemente nei piani di Gattuso il classe 1999 è un’arma da sfruttare a gara in corso e non il contrario, aspetto che il giocatore non sembra aver accettato proprio di buon grado, almeno a giudicare dalle prestazioni offerte nel recente periodo.