Home Napoli News L’occasione di Rrhamani: da oggetto misterioso a indispensabile

L’occasione di Rrhamani: da oggetto misterioso a indispensabile

CONDIVIDI

Koulibaly positivo, Manolas infortunato: è la grande occasione di Rrhamani, unico difensore centrale disponibile insieme a Maksimovic.

Acquistato a gennaio del 2020 dal Verona ma in rosa dalla scorsa estate, Amir Rrhamani si aspettava sicuramente che i suoi primi mesi al Napoli fossero diversi. Il difensore kosovaro invece fin qui non ha praticamente trovato mai spazio, ora però Gattuso dovrà per forza contare anche su di lui per superare l’attuale emergenza.

FORSE POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Manolas ko contro il Genoa

Manolas e Koulibaly fuori: emergenza difesa

Dopo la positività al coronavirus di Koulibaly, riscontrata alla vigilia della gara di campionato contro il Genoa, il Napoli ha perso pure Kostas Manolas. Il difensore greco, uscito per infortunio nel finale della gara di ‘Marassi’, ha riportato una seria distorsione alla caviglia con interessamento dei legamenti che lo costringerà a stare fermo almeno tre settimane. Periodo in cui difficilmente Gattuso riuscirà a recuperare Koulibaly, perdendo di fatto la coppia di centrali titolari in un colpo solo.

L’occasione di Rrhamani: unico centrale con Maksimovic

A questo punto a disposizione del tecnico nel ruolo restano quindi i soli Maksimovic e Rrhamani, appunto, con l’unica alternativa rappresentata dall’accentramento di Giovanni Di Lorenzo. Sempre che alla fine Gattuso non decida di passare definitivamente alla difesa a tre, modulo peraltro ben conosciuto sia da Maksimovic che da Rrhamani. Il kosovaro infatti al Verona aveva fatto molto bene nella linea a tre di Juric, mentre ha faticato più del previsto a calarsi nei meccanismi difensivi di Gattuso tanto da mettere insieme appena 5 presenze tra campionato e Coppa Italia per un totale di 170′ giocati.

Maksimovic Napoli rinnovo
Maksimovic compagno di reparto (Getty Images)

Rrhamani al Napoli: pochi minuti e un grave errore

Il debutto col Napoli è arrivato solo a inizio gennaio, quando Rrhamani (fermato dal coronavirus tra fine novembre e metà dicembre) è subentrato contro il Cagliari a risultato già ampiamente acquisito. Una settimana dopo invece Gattuso gli ha concesso la prima da titolare contro l’Udinese, ma con pessimi risultati. Rrhamani infatti è stato protagonista negativo sul gol del momentaneo pareggio friulano firmato da Lasagna ed è stato sostituito all’intervallo. Poi altri 11′ nella goleada contro la Fiorentina, due panchine di fila, fino all’ingresso in campo per necessità nel finale di gara contro il Genoa, quando Rrhamani non è stato di fatto mai impegnato dai rossoblù. Ora però l’emergenza costringerà Gattuso a recuperare appieno l’ex Verona, che dovrà dimostrare di essere da Napoli. Il futuro è adesso.